Ritorna Umbria Jazz, a Perugia 260 eventi in 10 giorni

141

Il festival dal 8 al 17 luglio, attesi 500 musicisti

Umbria Jazz 22, il più importante festival musicale jazzistico italiano nato nel 1973 che si svolge ogni anno a Perugia, ritorna, dall’8 al 17 luglio, alla canonica formula del 2019, lasciandosi alle spalle due anni di cancellazioni, come nel 2020, o di edizioni ridotte.

Sono previsti 260 eventi in dieci giorni, 11 diverse location e 90 band, per un totale di circa 500 musicisti.

La kermesse è stata presentata questa mattina nel locale jazz Blue Note di Milano alla presenza della presidente della Regione, Donatella Tesei, del sindaco di Perugia Andrea Romizi e del presidente della Fondazione Umbria Jazz Gian Luca Laurenzi.

La formula resta quella che si è progressivamente affinata negli ultimi vent’anni: Arena Santa Giuliana come main stage serale per i grandi eventi, con ‘sconfinamenti’ anche nell’area del pop/rock; concerti pomeridiani al Teatro Morlacchi per il grande jazz: il paradiso dei fan puristi; la Galleria Nazionale dell’Umbria in una raffinata dimensione cameristica per location e cartellone e il club notturno in via della Viola con resident band e jam session.

Tornano anche i concerti gratuiti all’aperto, con una novità: oltre ai tradizionali palchi in Piazza IV Novembre e ai Giardini Carducci, se ne apre un altro in Piazza Matteotti, tutto dedicato allo swing.