Protocollo d’intesa tra la Provincia di Perugia e il Comando provinciale della Guardia di Finanza

293

Proietti: “Garanzia di ‘buon governo'”, Casazza: “Insieme verso una crescita virtuosa”

   

La Provincia di Perugia e la Guardia di Finanza uniti nel contrasto alle condotte lesive degli interessi pubblici nell’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Gli interventi finanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza in ambito provinciale saranno, infatti, oggetto di rapporti di collaborazione e di scambio di informazioni tra l’Ente locale ed il Comando provinciale.
È quanto prevede il protocollo d’intesa firmato martedì mattina, nella Sala del Consiglio provinciale di Perugia, dalla presidente Stefania Proietti e dal comandante provinciale, col. t. SPEF Antonella Casazza.
L’obiettivo dell’accordo, in vigore fino a fine 2026, è rafforzare le azioni a tutela della legalità dell’attività amministrativa con riferimento all’utilizzo di risorse pubbliche, attraverso la prevenzione e il contrasto di qualsiasi violazione o irregolarità connessi alle opere pubbliche in corso di realizzazione o comunque previste nel biennio 2023-2025 con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).
Più in dettaglio, la Provincia di Perugia si impegna a mettere a disposizione della Guardia di Finanza dati, notizie, informazioni e analisi di contesto utili al perseguimento delle finalità dell’accordo. L’Ente comunicherà, ad esempio, i dati relativi all’affidamento di lavori, servizi e forniture, rientranti nelle progettualità finanziate con fondi del P.N.R.R., ed eventuali subappalti. Anche nel corso della procedura di selezione e scelta del contraente, la Provincia potrà fornire input informativi qualificati utili per la prevenzione e la repressione di irregolarità, frodi e abusi di natura economico-finanziaria.
La Guardia di Finanza potrà, quindi, utilizzare gli elementi così acquisiti per orientare e rafforzare l’azione di prevenzione, ricerca e repressione degli illeciti in materia di spesa pubblica. Nel rispetto delle disposizioni concernenti il segreto investigativo penale, la riservatezza della fase istruttoria contabile e sul segreto d’ufficio, segnalerà alla Provincia, laddove necessario per lo svolgimento dei compiti istituzionali, le risultanze dei propri interventi. La Provincia di Perugia, a sua volta, comunicherà al Corpo eventuali iniziative assunte o i provvedimenti conseguentemente adottati.
Lo scambio informativo avverrà nel rispetto delle norme vigenti in materia di tutela della privacy.
Per consolidare procedure operative e di cooperazione efficaci, infine, Provincia e Guardia di Finanza potranno promuovere ed organizzare incontri, seminati corsi di formazione a beneficio del personale.

“Con questo accordo – ha dichiarato la presidente Proietti – si intensificano i rapporti tra il nostro ente e il Corpo in termini di una sempre più proficua collaborazione. Ritengo che questo piano di azione debba andare oltre il Pnrr e in futuro diventare un modus operandi a garanzia di ‘buon governo’”.

“La tutela degli interessi finanziari delle Amministrazioni pubbliche sta diventando il nostro principale obiettivo – ha sottolineato il comandante Casazza -. Non solo repressione e controlli dunque, ma supporto e vicinanza agli Enti spesso in difficoltà nelle fasi progettuali. Insieme a voi ci avviamo verso un percorso di crescita virtuosa”.

Presenti alla sottoscrizione del protocollo anche i membri del Consiglio provinciale, i dirigenti dell’Ente e rappresentanti della Polizia provinciale.
Questa è stata anche l’occasione per salutare ufficialmente il colonnello Casazza, in procinto di trasferimento.