Gubbio: acceso l’albero di Natale più grande del mondo

217
Foto: Francesco Lini
 

Ad accenderlo l’Avis che avuto come testimonial il Presidente nazionale Giampietro Briola

È stato acceso ieri a Gubbio l’albero di Natale più grande del mondo che per questa sua 41/a edizione ha avuto l’Avis, Associazione volontari italiani del sangue, come testimonial, con il presidente nazionale, Gianpietro Briola.

“Abbiamo ritenuto importante – ha spiegato il presidente del comitato degli “Alberaioli”, Giacomo Fumanti – riconoscere pubblicamente il grande sforzo messo in campo da Avis negli ultimi due anni per fronteggiare il virus”, .

Nel corso della cerimonia il vescovo di Gubbio, Luciano Paolucci Bedini, ha osservato che

“l’accensione quest’anno ci fa alzare lo sguardo verso motivi ulteriori di ripresa. In cima all’albero – ha quindi sottolineato – c’è la basilica del santo patrono Ubaldo, che ci ricorda che se siamo insieme, uniti, possiamo attraversare qualsiasi tribolazione”.

“Questa è veramente una serata magica”, ha commentato la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei.

“Nella nostra regione in questo momento – ha detto, fra l’altro – si accende il Natale, che poi sarà declinato in moltissime altre località della nostra bella Umbria”.

L’Albero, che nel 1991 è entrato nel Guinnes dei primati, è alto oltre 650 metri ed è costituito da più di 250 punti luminosi di colore verde che ne delineano la sagoma sul monte Ingino. Alla sommità è installata una stella della superficie di circa 1.000 metri quadri disegnata da oltre 200 punti luminosi. Resterà acceso dal tramonto a tarda notte per tutto il periodo natalizio, fino al week end successivo al 6 gennaio.