Le celebrazioni del 25 Aprile a Umbertide

188

Il programma della giornata

   

La città di Umbertide ha celebrato e commemorato il 25 Aprile, 79esimo anniversario dalla Liberazione dell’Italia dal nazifascismo e 80esimo anniversario dal bombardamento di Borgo San Giovanni (oggi piazza XXV Aprile), che costò la vita a 74 umbertidesi.

All’evento, molto sentito da tutta la comunità, erano presenti il Sindaco di Umbertide, il Vicesindaco, gli Assessori e il Presidente del Consiglio Comunale, insieme ai Consiglieri. Presenti anche le autorità militari e religiose della zona.
Le celebrazioni sono iniziate alle ore 8.45 a Montecastelli con la deposizione di una corona di alloro presso la lapide di Giuseppe Bernardini.
Successivamente la cerimonia si è spostata nella frazione di Pierantonio dove è stato reso omaggio al monumento ai Caduti in piazza XXV Aprile, con la deposizione di una corona di alloro, seguita dalla benedizione di Don Raffaele Zampella.
Alle ore 10.30, dalla Piattaforma del capoluogo, accompagnati dalla Banda Città di Umbertide, è partito il tradizionale corteo che ha sfilato per le vie cittadine, deponendo le varie corone di alloro ai piedi dei monumenti ai Caduti.
Alle ore 11.30, in piazza XXV Aprile, dove una volta sorgeva Borgo San Giovanni, si è atteso l’arrivo del Presidente della Regione Umbria ed è stata celebrata la Santa Messa, presieduta da Monsignor Pietro Vispi e dai sacerdoti delle parrocchie umbertidesi.
Una volta terminato il rito religioso, sul palco allestito per l’occasione, si sono succeduti gli interventi istituzionali del Presidente della Regione Umbria e del Sindaco di Umbertide che hanno voluto ricordare quanto accaduto, promuovendo un forte messaggio di pace.

Il programma si conclude alle ore 18.00 con la presentazione, in piazza XXV Aprile, del libro di Mario Tosti “1944: dalla barbarie verso la civiltà”, mentre l’evento “La Piazza non c’era. Memorie dal bombardamento” era stato rinviato nei giorni scorsi a domenica 28 aprile, causa maltempo.