Terni, beni comuni. Patto con l’associazione “Stella Maris-Amare con Amore”

982
Terni: avvisi di fine indagini per i consiglieri del Comune

Firmato ieri mattina il patto di collaborazione tra il Comune di Terni e l’Associazione “Stella Maris – Amare con amore”, come previsto dal Regolamento Beni Comuni, che offre la possibilità a tutti i cittadini, singoli, associati o riuniti in formazioni sociali, di attivarsi e presentare progetti di rigenerazione e cura dei beni comuni urbani. Il progetto denominato “Centro di Ascolto”, presentato dal presidente dell’Associazione Luca Arcangeli, prevede la realizzazione di un centro stabile diurno di ascolto e prima accoglienza, di accompagnamento nell’accesso alle risorse formali ed informali con funzioni di raccordo con agenzie formative e lavorative.

“Sono molto soddisfatta – dichiara l’assessore alla Partecipazione e vicesindaco Francesca Malafoglia – accordi di questo tipo rappresentano il presupposto per una nuova fase di amministrazione condivisa”.

“L’amministrazione – continua Malafoglia – attraverso i patti di collaborazione, intende dare voce alla società civile, convinta che il contributo di tutti i cittadini possa essere di aiuto nella risposta a bisogni, problemi, aspettative e desideri della città. E’ un’opportunità innovativa”.

L’obiettivo generale del patto proposto dall’Associazione è creare un luogo in cui attività di accoglienza ed ascolto diventino l’inizio di un percorso condiviso per una prospettiva di vita migliore e servire la persona nella sua interezza, dai problemi socio – affettivi a quelli occupazionali, di reinserimento sociale, e sviluppo delle attività culturali. Il Progetto prevede diverse fasi che possono essere riassunte come centro di ascolto e prima accoglienza, presa in carico, Interventi mirati, accompagnamento nell’accesso alle risorse formali ed informali, convenzioni, funzioni di raccordo con agenzie formative e lavorative, realizzazione di attività che permettano alle famiglie di sentirsi parte della comunità, attraverso la collaborazione nella realizzazione degli eventi culturali promossi dall’Associazione. L’azione prioritaria dell’Associazione ricoprirà alcune zone iniziali individuate dal Comune: quartiere Campomicciolo, quartiere Le Grazie, via Staderini, Piediluco e altre aree da concordare con il Comune nell’ambito del Laboratorio Urbano Permanente.

“La nostra città – conclude il vicesindaco – continua il suo percorso di crescita in un’ottica di partecipazione, amministrazione condivisa, cittadinanza attiva e scambio di buone pratiche e attraverso i patti di collaborazione i cittadini attivi sono i nuovi protagonisti”.

Il riferimento per l’invio delle proposte e l’eventuale richiesta di informazioni è l’Ufficio Partecipazione Territoriale – Beni Comuni – benicomuni@comune.terni.it.