Pavanelli: “La Giunta Tesei cosa ha fatto per tutelare la salute degli umbri?”

190
 

Pavanelli: “La Giunta Tesei cosa ha fatto per tutelare la salute degli umbri?”. Nota della senatrice del Movimento 5 Stelle

La senatrice Emma Pavanelli pubblica una nota dove chiede delucidazioni in merito alle iniziative messe in campo dalla Regione, a fronte dell’aumentare dell’emergenza in Umbria.

“L’emergenza per il coronavirus è nuovamente arrivata e l’Umbria è la regione con la percentuale più alta di pazienti in terapia intensiva, rispetto ai posti a disposizione. Cosa è stato fatto per tutelare la salute degli umbri? I dati della presidenza del Consiglio mostrano come l’Umbria, in fatto di posti letto in terapia intensiva, è il fanalino di coda, in quanto nessuno dei 57 posti previsti da aggiungere è stato realizzato.

Eppure la Regione ha avuto 6 mesi per lavorarci a dovere con a disposizione  3 milioni regalati dalla Banca d’Italia per le attrezzature e oltre 24 milioni stanziati dal governo, in più vanno considerate le risorse straordinarie del decreto cura Italia e del riparto del Fondo sanitario nazionale (più di 1,69 miliardi di euro per l’Umbria), già stanziate a marzo scorso, a cui si aggiungono i finanziamenti al sistema sanitario del decreto Rilancio.

E’ passato un anno da quando la giunta Tesei si è insediata alla guida dell’Umbria ma ha già dimostrato di non essere in grado di prendersi cura dei suoi cittadini, come invece la Costituzione prevede a loro tutela.

L’ordine dei medici di Perugia ha emesso un comunicato in cui è stato evidenziato che nulla è stato fatto per prevenire una seconda ondata di contagi da coronavirus. Per non parlare della situazione tamponi che, come mi segnalano molti cittadini, è nel caos. Il sindacato degli infermieri NurSind ha segnalato la mancanza di uno screening a tappeto del personale sanitario.

Da rappresentante delle istituzioni e da umbra non mi rimane altro che presentare un’interrogazione al ministro della Salute Speranza per avere conto di tutto quello che non è stato fatto.

Nell’interesse della comunità credo che sia fondamentale chiedere una rendicontazione di come la giunta regionale ha speso i soldi dei cittadini per contrastare lo stato di emergenza e per tutelare la loro salute”.