M5s, in Umbria riorganizzazione sul territorio con 10 gruppi

590

“Qui campo giusto è strutturale” rivendica il coordinatore

   

Si è conclusa la prima fase di riorganizzazione territoriale del Movimento 5 stelle in Umbria e i risultati “sono entusiasmanti”.

“Siamo la prima regione ad avere una copertura totale, con 10 gruppi territoriali in cui gli iscritti potranno dire la loro e partecipare attivamente a quelle che sostanzialmente sono le scelte che dovremo prendere sia nell’ambito amministrativo, locale, sia nell’ambito nazionale ed europeo”,

ha detto coordinatore regionale, Thomas De Luca.

Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Cesaroni è stato fatto il punto sulla conclusione del percorso di riorganizzazione territoriale, sul voto amministrativo nei comuni della regione, sulle iniziative sul territorio e sul programma elettorale delle Europee.

Presenti alla conferenza stampa anche i coordinatori provinciali Fabio Moscioni e Tiziana Ciprini, i rappresentanti territoriali Ivo Brozzetti (Orvieto-Media Valle del Tevere), Lorenzo Possanzini (Foligno), Alessandra Poli Sandri (Spoleto), Massimo Bertone (Trasimeno), Samuele Minciarelli (Narni-Amelia-Terre Arnolfe), Antonio Donato (Perugia), Luca Simonetti (Terni), Angelo Ghirelli (Gubbio), Paolo Merli (Alto Tevere) e Vincenzo Rocca (Assisi-Bastia).

 Per De Luca “è evidente” come i gruppi territoriali

“abbiano fatto la differenza anche nelle trattative che sono state condotte per poter arrivare a fare le scelte migliori per i candidati e le candidate a sindaco nei comuni che andranno al voto in questa primavera e l’Umbria è la prima regione in Italia dove il ‘campo giusto’ è diventato strutturale” e dove “il ‘Patto avanti’ si farà in tutti i comuni al voto sopra i 15 mila abitanti”. “La strada maestra per poter arrivare a una alleanza a ‘campo giusto’ per le elezioni regionali che avremo in autunno” ha rivendicato. “Non lavorare per vincere a ma vincere per poter dare risposte ai cittadini mettendo al centro i temi più importanti”.