La Città di Gubbio presente a “Expo 2015”

762
 

E’ stato presentato questa mattina, presso la sala degli Stemmi in piazza Grande, alla presenza del sindaco Filippo Mario Stirati, degli assessori Augusto Ancillotti e Lorenzo Rughi e del presidente del Gal Alta Umbria Mariano Tirimagni, il progetto di partecipazione di Gubbio ad EXPO 2015. «Presentiamo questa mattina le linee fondamentali e i contenuti con i quali Gubbio sarà ad Expo 2015 – ha dichiarato il sindaco Stirati in apertura della conferenza stampa – con una identità di contenuti precisa e non banale, all’interno di una strategia messa in atto per rilanciare il turismo. Pur in presenza di grandi difficoltà, puntiamo ad un’immagine vincente, affiancando messaggi riferiti alle ‘Tavole Eugubine’ e alla moderna accoglienza e ai prodotti agro-alimentari. Gubbio sarà una delle realtà più significative dell’Umbria, con immagini del Palazzo dei Consoli riprese nei giorni scorsi anche da un drone. Parlare di cibo, di prodotti e gusti che fanno parte della nostra storia secolare, sarà anche l’occasione per trattare delle qualità e delle eccellenze che offre il territorio combinando gusto e tradizione.» L’assessore Rughi ha annunciato che Gubbio sarà presente nell’ambito degli spazi messi a disposizione da Anci presso il mercatino di Cascina Triulza dall’8 al 15 giugno presso l’Area mercato e il 22 giugno nell’area eventi. « Abbiamo partecipato ad un bando dell’Anci – ha precisato l’assessore Rughi – e in questo modo Gubbio avrà una grande opportunità e un’occasione di promozione e valorizzazione dei prodotti tipici e artigianali del territorio, per proporre la città quale destinazione turistica di grande fascino, dove poter vivere uno stile di vita sano. Un ringraziamento al Gal che ha sostenuto l’iniziativa e al gruppo di lavoro che si occupa in città di promozione che nei prossimi giorni tornerà a riunirsi nell’ambito della Consulta del Turismo». Anche il valore culturale è di forte espressione all’interno di Expo, e l’assessore alla cultura Ancillotti ha infatti precisato: «Nelle Tavole Eugubine si parla in maniera esplicita di alimenti, ad esempio della crescia, con richiami anche alle descrizioni di cibi e rituali. La parola SEVAKNE “senza difetti”, presente nelle Tavole Eugubine per specificare la qualità dei cibi offerti agli dei, fa pensare ad una alimentazione gradevole e sana». Dal canto suo Mariano Tirimagni presidente del Gal Alta Umbria ha sottolineato l’importanza del ruolo di collaborazione per la promozione del territorio. «Il turismo – ha precisato Tirimagni – è un elemento importante che oggi non è solo soggiorno ma esperienze legate alle emozioni, all’arte e alla conoscenza. La sinergia pubblico – privato messa in atto dal Comune di Gubbio e le opportunità fornite dagli strumenti interattivi, sono formule vincenti ». Lo stand espositivo è di circa 16 mq ed è allestito con un tavolo di 4 metri, tavolini laterali, maxischermo, espositori. L’Area Eventi della Cascina Triulza comprende un auditorium da 200 posti, un’area destinata a workshop e laboratori e uno spazio aperto a corte di 1.700 metri quadri, utilizzabile per attività educative e ricreative ed eventi artistici e culturali. La finalità sarà quella di presentare a fini promozionali e di valorizzazione la città e il territorio, con le sue attrattive turistiche legate ai valori delle tradizioni alimentati (prodotti tipici, storia, tradizioni, ricette, mangiare rituale, ecc.). Lo spazio può essere usato per strategie plurime e dunque anche per degustazione e vendita di prodotti tipici. Sulla base di queste scelte di fondo, il Comune intende realizzare una serie di interventi determinati a predisporre i contenuti e i media di comunicazione da utilizzare in occasione di Expo. I contenuti della comunicazione si incentrano sui seguenti temi: – valori culturali, con il richiamo alle descrizioni di cibi e di rituali in cui venivano utilizzabili, contenute nelle Tavole Eugubine ed alla evoluzione/continuità con il modo di mangiare di oggi; valori alimentari e scientifici legati all’alimentazione e gastronomia di Gubbio con il collegamento alla dieta mediterranea (Piramide del Ben…Essere) e alla strategia di contrasto sperimentata con successo nel territorio rispetto ai problemi tiroidei determinati dalla scarsità di iodo. Nella comunicazione, Gubbio vuole proporsi non solo come destinazione turistica di grande fascino, ma anche come modello di successo nell’affrontare, attraverso lo strumento dell’alimentazione, una delle emergenze sanitarie più rilevanti a livello mondiale: la problematica tiroidea determinata da carenza di Iodio. Alla base di questa strategia sanitaria e culturale, si pone la consapevolezza della qualità della dieta mediterranea, dichiarata patrimonio immateriale dell’Umanità. Per questo l’immagine simbolo con cui Gubbio si presenta all’Expo è la “Piramide del Ben…essere!!”. Proprio l’adozione di questo modello e la pluriennale collaborazione di Gubbio con l’Ateneo di Perugia hanno permesso a Gubbio di ottenere il prestigioso patrocinio di Expo riservato alle Università. Inoltre, la promozione è affidata anche a due video, uno già realizzato per la Comunità Montana Alta Umbria per la promozione del territorio in diversi contesti, fiere, mostre, convegni, social media, web; un altro originale basato su immagini aeree della città realizzate con il drone, in grado di far vedere immediatamente la città nella sua interezza e nella sua architettura caratterizzante.

 

MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DEI PERMESSI NEL CENTRO STORICO

 

Entrerà in vigore il 1 maggio la nuova regolamentazione del Comune per il rilascio dei permessi di circolazione nella zona a traffico limitato, così come stabilito dalla delibera 46   del Consiglio Comunale del 30 marzo scorso, approvata a maggioranza con due astensioni. Le modifiche introdotte sono finalizzate a contenere la circolazione dei veicoli all’interno del centro storico, dando prevalenza alla tutela della mobilità pedonale, al miglioramento della qualità ambientale ed alla valorizzazione dei luoghi di preminente interesse storico-artistico della Città. « La novità più rilevante – commenta il sindaco Filippo Mario Stirati – riguarda i permessi per i residenti. Le modifiche introdotte annullano l’obbligo del rinnovo temporaneo con notevole risparmio di denaro per l’obbligo delle marche da bollo e di tempo per le pratiche, oltre al rischio di dimenticarsene e di venire multati per scadenza del permesso. Naturalmente, il ‘permesso permanente’ vale fino a quando non si modifica la residenza o non si cambia l’auto. » I permessi di tipo permanente riguardano le categorie ‘R’ residenti, ‘G’ proprietari di garage, ‘AL’ strutture ricettive, ‘M’ Medici e ‘MC’ Ministri del Culto. Dunque, questi saranno validi sino a quando rimarranno invariate le condizioni che ne hanno consentito il rilascio e i dati negli stessi contenuti. La validità delle altre tipologie di permessi permanenti passa da due a cinque anni. Passa a cinque anni anche la durata del permesso rilasciato a proprietari di immobili nella ZTL non residenti. Le categorie di permessi ‘OE’ Operatori Economici ed ‘A’ artigiani sono state soppresse mentre è stata introdotta la categoria ‘TM’ Trasporto Merci, con validità all’interno delle fasce orarie 7-11 e 14-15, per il tempo strettamente necessario all’effettuazione delle operazioni di carico/scarico merci. Nei giorni prossimi il Servizio Polizia Municipale provvederà ad effettuare le necessarie comunicazioni agli interessati, i quali potranno recarsi presso gli uffici di Largo della Pentapoli al fine di effettuare la riconsegna del permesso revocato ed informarsi circa la nuova regolamentazione. Rimangono consentiti gli accessi giornalieri occasionali per esigenze contingenti, ma ne è stata ridotta l’estensione: si passa infatti dalle precedenti quattro a due ore giornaliere.