Anche studenti dalla Cina per ritrarre gli scorci del borgo di Antria

490

Una giornata passata tra vie e piazze del piccolo borgo di Antria, nel comune di Magione, per raccontarne con il disegno tutte le particolarità storiche, architettoniche e paesaggistiche. L’iniziativa, che ha visto impegnati domenica 4 febbraio venti studenti frequentanti il primo anno dell’Accademia Pietro Vannucci di Perugia sotto la guida del professore Luciano Tittarelli, ha visto tra i promotori lo stesso direttore dell’Accademia, Paolo Belardi. È stato infatti lo stesso Belardi a fare da tramite tra i diversi soggetti, che hanno operato – Università degli studi di Perugia e Comitato per i festeggiamenti del XXV del SS. Crocefisso di Antria – affinché questa sessione di disegno dal vivo della scuola avesse come protagonista l’antico borgo magionese. Tra gli studenti che hanno trascorso la giornata a cercare scorci originali e insoliti da riprodurre con le matite, anche dieci ragazzi provenienti dalla Cina.

«Si tratta di un’iniziativa – spiegano dal Comitato – che rientra nel nostro progetto di far dei festeggiamenti un momento aperto non solo alla collettività locale ma, soprattutto, a tutte le realtà territoriali per valorizzare e preservare questo paese. Antria conserva ancora tutto il fascino dell’antico borgo medievale immerso nella natura più tipica della nostra regione, elementi che sono stati molto apprezzati dagli allievi. I disegni testimoniano le grandi potenzialità di questo borgo che, ricordiamo, già nel 2016 è stato protagonista della presentazione del progetto “Consulto su Antria”. Il progetto didattico ha visto coinvolti l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” e il Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale dell’Università di Perugia. In quell’occasione furono attivate numerose tesi di laurea, concernenti il restauro della cerchia muraria, la dedizione di un’immagine identitaria coordinata e la decorazione pittorica della Chiesa di S.Rocco e S.Antonio Abate sempre su iniziativa del Comitato per i festeggiamenti del SS.Crocefisso in programma per il 2020».