Magione: il ricco programma di eventi in occasione della Festa della Donna

540
   

Gap retributivo. Gap occupazionale. Violenza di genere che non accenna a diminuire e assenza di parità dei ruoli all’interno dei nuclei familiari. Quanto è lontana la realtà delle donne dalle immagini stereotipate dei media e quanto queste influiscono sulla possibilità di un reale percorso di parità e rispetto? È possibile una narrazione diversa?

Sono queste le considerazioni da cui l’assessorato alle politiche sociali del Comune di Magione, assessore Eleonora Maghini, in collaborazione con l’assessore alla cultura Vanni Ruggeri, è partito per impostare il programma di iniziative del Comune di Magione in occasione dell’8 Marzo, Festa della donna. Programma che prevede conferenze, presentazione di libri, letture per bambine e bambini, spettacoli fino al 25 marzo sia in presenza che online.

“Un itinerario di riflessione critica – commentano gli assessori Eleonora Maghini e Vanni Ruggeri – che muove dall’urgenza di riconoscere quanto la rappresentazione pubblica transmediale influisca profondamente sulla costruzione di percezioni, di identità e di linguaggi che possono o meno alimentare il pregiudizio di genere. Un catalogo ragionato degli stereotipi da contrastare quotidianamente, perché più radicati e resistenti, capaci di condizionare pensieri e azioni non solo degli uomini, ma delle donne stesse spesso relegate “ad una dimensione” o prigioniere di un sistema che ne limita le potenzialità. È difficile non interrogarsi sulla necessità di parlarne. Sul dovere di analizzare il fenomeno non con il cannocchiale, ma con la lente di ingrandimento, a partire da ciò che ci è più vicino, dall’esperienza individuale, dal quotidiano confronto tra ruoli e responsabilità, dalla narrazione stereotipata imposta dai media e accettata passivamente, dal linguaggio della discriminazione caduto nell’indifferenza di chi sta accanto, spesso la prima e dolorosa forma di violenza”.

PROGRAMMA

Primo appuntamento sabato 5 marzo, Officina teatrale la piazzetta, ore 17.30, con la conferenza-dibattito sul tema “La donna tra immagine e realtà” con interventi di Rosella De Leonibus, psicoterapeuta; Sara Pasquino, avvocata; Fiammetta Mosconi, psicologa e dell’attrice Francesca De Martini, rappresentante dell’associazione Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivo (Unita), l’incontro sarà coordinato dalla giornalista Elena Teatini.

Elemento centrale della conferenza sarà la riflessione sulla rappresentazione troppo spesso standardizzata della donna rispetto alla molteplicità dei modelli femminili esistenti nella realtà e quanto questo influisca sulla difficoltà a rimuovere gli stereotipi di genere.

Gli incontri proseguono con il doppio appuntamento di martedì 8 marzo. La mattina all’Istituto Omnicomprensivo Giuseppe Mazzini proiezione e discussione sul film The Help di Tate Taylor; alle 18, nella Biblioteca Vittoria Aganoor Pompilj, il locale Circolo lettori ad alta voce e la Compagnia Teatrale Magionese presentano la lettura drammatizzata “Bastava chiedere!”.

In collaborazione con Comunicareleditoria, presentazione di libri in modalità online sulla pagina Facebook Magione cultura e sul canale YouTube Magione live.

Venerdì 11, alle 17.30, Biblioteca Vittoria Aganoor Pompilj, presentazione del volume “Prima del buio in sala” di Viviana Picchiarelli, Bertoni editore. Un racconto che attraversa decenni di storia del cinema e in cui il jazz fa da colonna sonora, dando voce all’alfabeto dei rimpianti per le occasioni perdute, mentre le note avvolgenti del sax suonano l’amarezza inquieta delle mancanze ma anche l’entusiasmo fragile dei nuovi inizi.

Venerdì 25 marzo ospite della diretta la scrittrice Maria Marchese con il libro “Sam è tornato dai boschi”, ali&no editrice, vincitore della II edizione del Premio letterario nazionale Clara Sereni in cui si narra l’incontro, l’amore e la collisione tra due mondi, quello del senzatetto Sam e quello della giovane Serena.

Venerdì 18, ore 17.30, Biblioteca Vittoria Aganoor Pompilj ancora online le letture per bambine e bambini “Biancaneve e i 77 nani” di D.Calì e R. Barbanègre e “C’è qualcosa di più noioso che essere una principessa rosa?” di Raquel Díaz Reguera a cura di Andreina Panico.