La Sapienza di Roma sceglie la Comunità Incontro di Molino Silla per individuare nuovi protocolli nella gestione e nella cura delle ludopatie

256

La Sapienza di Roma sceglie la Comunità Incontro di Molino Silla per individuare nuovi protocolli nella gestione e nella cura delle ludopatie. La Comunità da sempre in prima linea

Anche la Comunità Incontro di Molino Silla è in prima linea nella lotta alla ludopatia una vera e propria patologia – purtroppo sempre più in crescita –  che con la dipendenza da sostanze condivide comportamenti compulsivi che possono causare conseguenze estremamente invalidanti. In questi giorni la struttura madre di Amelia è impegnata a dare il proprio contributo – in termini di partecipazione e di expertise –  ad uno dei più importanti progetti di formazione contro il cosiddetto “disturbo da gioco d’azzardo” promosso dalla Fondazione Ania – Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici  – in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma. In questa fase il progetto, denominato “Dostoevskij” è nella fase esplorativa delle problematiche legate al gioco d’azzardo con focus group e questionari che vedono coinvolti anche i ragazzi della Comunità Incontro. La ludopatia – stando ai dati diffusi dal Ministero dell’Interno – è una patologia in espansione, anche a causa della contingente situazione economica e all’incidenza della disoccupazione che possono indurre le persone, in preda alla disperazione, a tentare la fortuna nel gioco fino a diventarne dipendenti. Nell’ambito del progetto, tutti gli ospiti della Comunità, con la supervisione dell’equipe multidisciplinare, sono stati sottoposti a colloquio psicologico e alla somministrazione di una batteria di test, finalizzata a valutare alcuni processi cognitivi e di regolazione emotiva del paziente affetto da disturbo da Gioco d’Azzardo. La Comunità Incontro di Amelia è particolarmente onorata di essere parte attiva del progetto e di offrire anche al mondo accademico il proprio contributo in termini di esperienza e testimonianza, con l’auspicio che possa rappresentare un tassello significativo per individuare nuovi e più efficaci protocolli finalizzati alla lotta e alla cura delle dipendenze da gioco d’azzardo.