‘La Consulta Territoriale’: un’idea per dare più voce a Ponte San Giovanni

238
 

‘La Consulta Territoriale’: un’idea per dare più voce a Ponte San Giovanni. La Consulta dei Rioni e delle Associazioni disponibile a raccogliere le istante dei cittadini rispetto alle problematiche del quartiere, con l’obiettivo di stimolare maggiormente Comune e enti locali

Ponte San Giovanni sente l’esigenza di una maggiore rappresentatività rispetto alle problematiche del territorio. Per questo la Consulta dei Rioni e delle Associazioni ha deciso di dare vita ad un’iniziativa, la ‘Consulta Territoriale’, volta a raccogliere e dare maggiore voce alle istante provenienti dai cittadini e dalle stesse associazioni. Un modo per essere maggiormente ascoltati anche dalle istituzioni e avere risposte circa alcuni problemi che da anni caratterizzano il quartiere.

“Ultimamente – dichiara il Presidente della Consulta dei Rioni e delle Associazioni, Gianfranco Mincigrucci – ci siamo più volte riuniti per capire come venire incontro alle esigenze del nostro territorio. Siamo giunti alla conclusione di voler istituzionalizzare attraverso, la ‘Consulta territoriale’, quell’attività che spesso facciamo di raccogliere le istanze dei cittadini e delle associazioni per poi portale all’attenzione dell’amministrazione comunale e degli enti locali in genere. Con la fine delle circoscrizione, Ponte San Giovanni necessita di una maggiore rappresentatività, anche perché insistono dei problemi di cui è necessario dare delle risposte. A partire da alcune opere incompiute, come l’area comunemente definita De Megni- Margaritelli, che è ridotta ormai in una condizione non più sostenibile. Un degrado che i ponteggiani non sono più disposti a sopportare, anche per le conseguenze sociali che ne derivano. Nel corso delle prossime settimane daremo spazio anche ad altri situazioni, dai parcheggi, alle aree verdi, che rappresentano una vetrina negativa per chi viene da fuori e motivo di frequente discussione tra i residenti”.