Scoppia una lite al bar: versa del cherosene sul rivale

414
Questura, nessuna criticità per UJ e il Festival di Spoleto

Dopo una lite in un bar di Ponte San Giovanni avrebbe tentato di dare fuoco ad un marocchino di 35 anni cospargendolo di cherosene: tentativo di omicidio e lesioni è l’accusa in base alla quale la polizia ha arrestato un 48enne del posto. “Fermatelo, mi vuole bruciare vivo!”, è stata la frase pronunciata al telefono dal nordafricano che, inzuppato dal volto in giù di cherosene, è riuscito a chiamare il 113. Le volanti sono giunte in poco tempo nel bar e prima di tutto hanno portato il 35enne maghrebino al pronto soccorso, dove gli è stata diagnosticata una forte congiuntivite. In base alle testimonianze raccolte nel bar, la polizia ha ricostruito quanto successo e identificato l’aggressore. Nella sua abitazione, gli agenti hanno sequestrato prima di tutto le 22 armi che il 48enne aveva collezionato. Poi l’arresto e il trasferimento in carcere. (fonte: Ansa.it)