Coronavirus: Comuni solidali verso i propri cittadini più in difficoltà

520

Coronavirus: Comuni solidali verso i propri cittadini più in difficoltà. Breve rassegna delle iniziative comunali intraprese in collaborazione con Associazioni di volontariato. Assisi, Città di Castello, Umbertide, Magione, Citerna e Montone

In un periodo di emergenza, tante le iniziative di solidarietà promosse da Comuni e Associazioni di volontariato quali Protezione Civile e Misericordia. Questa una rapida rassegna.

Assisi non è vicina soltanto ai suoi nonni, ma a tutte le persone che in questo momento difficilissimo di emergenza coronavirus hanno bisogno di un aiuto concreto. E il Comune lo fa con il supporto fondamentale del Gruppo locale della Protezione civile che da una settimana, da quando è stato istituito uno sportello telefonico con l’obiettivo di fornire servizi di prossimità alle persone anziane che non possono contare su altre tipologie di assistenza. Dal 12 marzo di chiamate ne arrivano tante, e non solo dagli anziani ma anche da persone e famiglie che per motivi oggettivi non possono muoversi e necessitano di aiuto.

“Arrivano numerose telefonate – conferma Gabriele Valecchi, responsabile della Protezione civile di Assisi – dal capoluogo, da Santa Maria e dalle altre frazioni, molte sono richieste di informazioni e suggerimenti, altre di apporto concreto, come l’acquisto di alimenti o di altri beni di prima necessità, o lo svolgimento di commissioni urgenti”.

Come funziona e cosa prevede il servizio? E’ possibile telefonare, dalle 8 alle 13 di ogni giorno, a uno dei due numeri: 075 80 44 440 (sede Protezione Civile Comunale) o 335 67 77 170 (Gabriele Valecchi, coordinatore del Gruppo Comunale della Protezione Civile); tra le 13 e le 19 dello stesso giorno le richieste e/o le consegne vengono esaudite.

“Lavoriamo in stretto contatto con la Caritas – aggiunge il responsabile della Protezione civile – e dobbiamo dire che dai supermercati della zona abbiamo avuto ampia disponibilità nell’agevolarci in questo tipo di servizio che era partito solo per i nostri anziani soli ma ci arrivano richieste anche da persone che essendo impossibilitate a uscire da casa hanno bisogno di una mano”.

Anche a Città di Castello si potenziano le attività a favore delle categorie più vulnerabili ed in particolare anziani soli e adulti disabili. Ne dà conto l’assessore alla Protezione civile e alle Politiche sociali Luciana Bassini sottolineando come

“la struttura del Comune sta monitorando 64 anziani soli e sei adulti disabili attraverso il servizio domiciliare quando le situazioni richiedano l’accesso di un operatore a domicilio dell’anziano dotato di tutti i presidi necessari oppure attraverso contatti telefonici costanti, la presenza di operatori di portierato sociale presso la Casa Albergo e la Casa Verde per garantire eventuale spesa e fornitura farmaci  evitando di fare uscire gli ospiti. Presso la sede dei servizi sociali del Comune sono presenti assistenti sociali che rispondono telefonicamente a numerose chiamate da parte di cittadini che necessitano di orientamento sull’accesso ai servizi e spesso anche consigli e supporto relazionale per affrontare questa situazione di emergenza. In questa direzione va anche il Progetto CHIAMIamoci, elaborato in collaborazione con la coop La Rondine che vuole potenziare l’ascolto e il dialogo con le persone socialmente fragili mantenendo contatti stretti e costanti: l’Urp risponde al numero 0759002686, recapito di riferimento per contatti o informazioni telefonici, tutti i giorni dalle ore 8 alle 20 per il servizio di utilità sociale per la consegna a domicilio di farmaci, spesa e supporto nei servizi essenziali di base, diretto alle persone prive di rete familiare e a nuclei familiari impossibilitati a raggiungere centri servizi essenziali (supermercati, farmacie, ecc.)”.

Le attività di supporto saranno svolte dai gruppi volontari della Protezione Civile, Croce Bianca e Croce Rossa.

“E’ un servizio diretto agli anziani, che appaiono in queste circostanze l’anello debole della catena. Mi rivolgo a coloro che conoscono o notano anziani soli e in difficoltà a cui non è arrivata la notizia di questi servizi o non sanno come raggiungerli. Fatevi tramite presso il numero verde per segnalare persone che possono avere bisogno e noi sapremo come contattarle. E’ un gesto di grande solidarietà che una città ancora a misura di uomo può compiere in modo efficiente e capillare. Ma voglio rinvolgermi anche direttamente agli anziani con l’invito, prescrittivo, caloroso a non andare agli orti della Madonna del Latte. Non sono ufficialmente chiusi ma è allo studio un’ordinanza in tal senso. Lo faccio a malincuore ma ammonisco i pensionati che ne sono titolari o che curano gli orti sociali ad evitare di andare, preservando se stessi, prima che i loro familiari, da un possibile contagio. Mai come in queste ore e nelle prossime, bisogna stare a casa, lontani da occasioni di affollamento o di assembramento. Speriamo di poter riaprire questa come tutte le altre attività, perché significa che avremmo l’emergenza alle nostre spalle”.

Infine la Biblioteca di Città di Castello ricorda che è possibile accedere al Servizio Mlol, Medial Library On Line, per la consultazione libera di giornali, riviste, libri ed audiolibri. Per registrarsi al servizio, la email da contattare è biblioteca@cittadicastello.gov.it.

Ad Umbertide, il Gruppo Comunale di Protezione Civile organizza in collaborazione con l’amministrazione comunale un servizio di assistenza alla popolazione, tramite l’utilizzo di un mezzo e di volontari che circoleranno per le vie della città, volto a divulgare i comportamenti che ogni cittadino deve tenere nel corso dell’emergenza, tra cui importantissimo, quello di non uscire di casa, né in auto né a piedi, salvo motivi di lavoro, urgenze o necessità.

Tra le numerose attività svolte in questi giorni dal Gruppo Comunale di Protezione Civile c’è anche la consegna a domicilio, insieme alla Croce Rossa Italiana, di beni di prima necessità e di farmaci (con il solo costo della spesa e dei farmaci a carico del richiedente). Si può accedere al servizio contattando il numero telefonico 379 1264613 tutti i giorni dalle ore 08.00 alle ore 20.00. Il Comune, inoltre, ha istituito un servizio telefonico di ascolto e sostegno psicologico. Si tratta di un servizio completamente gratuito, attivo in seguito alla disponibilità fornita su base volontaria del dottor Federico De Salvo, psicologo e neurologo dell’Istituto Prosperius Tiberino. Il numero da contattare è il 349 1693230. Questi i giorni e gli orari: dal lunedì al sabato dalle 12.00 alle 14.00; il martedì e il venerdì anche in orario pomeridiano dalle 18.00 alle 20.00.

A Magione, i volontari della Misericordia sono in azione per andare incontro alle necessità di persone in difficoltà istituendo due numeri che sono lo 075841819 da fisso e il 360333664 a cui possono rivolgersi tutte le persone che sono impossibilitate a muoversi da casa. Le richieste possono essere inoltrate anche all’indirizzo email protezionecivile@misericordiamagione.it I volontari consegneranno a domicilio le cose necessarie come alimentari o medicine.

“Le richieste – spiega Fabrizio Alunni, vice governatore dell’associazione di volontariato – vanno inoltrate entro le 11.30 della mattina. Questo ci permette di organizzare gli acquisti che poi nel pomeriggio verranno consegnate nelle abitazioni. Naturalmente i volontari sono a disposizione ma, anche da parte dell’utente, è necessario seguire delle regole. Tra le prime quella di organizzarsi per una spesa che non sia quotidiana altrimenti diventa ingestibile. Un’altra raccomandazione, anche se ci rendiamo conto che nel caso di persone molto anziane questo crea delle difficoltà, è che la richiesta venga fatta via email all’indirizzo della Misericordia. Si tratta di un’attività che richiede una grande attenzione per cui i nostri volontari oltre che essere dotati di tutti i dispositivi da indossare sono istruiti sulle norme comportamentali da seguire. Al riguardo invitiamo i ragazzi e le ragazze che volessero aiutare a contattarci perché di volontari c’è sempre bisogno. Voglio fare anche un piccolo appello. La solitudine in questi casi diventa anche più pesante per cui una telefonata è importante”.

La Misericordia di Magione fa inoltre servizio, alternandosi con quella di Castiglione del lago, con quattro volontari, all’ingresso dell’ospedale castiglionese per il pre-triage e continua il trasporto di persone che necessita di terapie di sopravvivenza che non possono essere interrotte come la dialisi.

A Citerna, l’Amministrazione Comunale ha attivato il Centro operativo comunale (COC) per il monitoraggio del territorio, in collaborazione con la Protezione Civile di Città di Castello e con l’ausilio della costituenda Protezione Civile di Citerna. È stata inoltre garantita ai cittadini in difficoltà la consegna a domicilio di generi alimentari e di farmaci, in collaborazione con gli esercizi commerciali comunali e con la Croce Bianca.

Anche a Montone, il Comune, dopo aver attivato il COC, ha istituito il servizio gratuito di consegna medicinali e generi alimentari di prima necessità per le persone impossibilitate e prive di rete familiare. Il servizio è garantito in collaborazione con il Gruppo di protezione civile di Montone e del Gruppo alluvionale Alto Tevere. il Sindaco, Mirco Rinaldi, riferisce che

“il Comune ha attivato un canale informativo riservato nel proprio sito internet, dove la popolazione può accedere alle informazioni aggiornate sul coronavirus. Tutte le notizie aggiornate saranno disponibili anche nei canali social dell’amministrazione.  Per sentirci più vicini e sostenerci in questo difficile momento, in questi giorni attiveremo iniziative che ci faranno sentire ‘meno soli’ nelle nostre abitazioni. Chi vorrà potrà partecipare affacciandosi ai balconi o alle finestre della propria residenza e cantare o ascoltare musica”.