Usl Umbria 1 ritira alcune pompe infusionali

115
 

L’Usl Umbria 1 ha ritirato dall’utilizzo clinico “a titolo precauzionale” alcune pompe infusionali. Lo ha fatto recependo un avviso di sicurezza di una ditta che fornisce set per queste apparecchiature “a tutela di tutti i pazienti che afferiscono ai vari servizi” dell’azienda sanitaria. “Considerando che questi set infusionali potrebbero essere anche utilizzati per pazienti oncologici, si è tempestivamente provveduto a cercare soluzioni alternative” ha sottolineato l’Usl. “Nei vari servizi oncologici aziendali, infatti – ha aggiunto -, è massima l’attenzione alla sicurezza in tutte le fasi delle terapie antiblastiche, con particolare attenzione alla preparazione (centralizzata in laboratori farmacologici dedicati) ed alla somministrazione delle varie terapie. Tutto il personale che è coinvolto nelle terapie oncologiche (medici, infermieri, farmacisti) è particolarmente attento alla sicurezza dei pazienti”. Il lavoro clinico oncologico comunque “continua su tutta la Usl Umbria 1 e i servizi ai pazienti vengono garantiti mettendo al primo posto la sicurezza”.