Sigillo si conferma città “inclusiva”

144

Sigillo si conferma città “inclusiva”. Iniziativa promossa dal Comitato paralimpico con le scuole del territorio

Una giornata di sport e solidarietà per crescere insieme. E’ quanto realizzato a Sigillo nella palestra di arrampicata della scuola secondaria di primo grado “Ippolito Borghesi” tra alcune classi e i ragazzi con disabilità delle società sportive FISDIR: KT e Camelot di Gubbio, Atletica Tarsina di Gualdo Tadino e La Pantera di Umbertide.

Un evento realizzato grazie anche alla disponibilità della dirigente scolastica Francesca Pinna e alla collaborazione dei docenti Pace, Gaggioli e Menghini.

La mattinata è risultata un vero successo ed un’ottima occasione per riflettere sia sull’integrazione sociale attraverso lo sport sia per comprendere che, anche in condizioni di vita differenti, si può crescere insieme.

Il gruppo sportivo Raboclimbing di Gualdo Tadino, con Arnaldo, Enzo e Marina, ha permesso a tutti i ragazzi presenti di conoscere e provare l’arrampicata sportiva alternando tale attività tra un alunno e un ragazzo con disabilità.

“Il clima festoso e ‘inclusivo’ che si è respirato in questa manifestazione – ha commentato il sindaco di Sigillo, Riccardo Coletti – lo dobbiamo alla disponibilità dell’Istituto Comprensivo, ma sopratutto al nostro sodalizio con il Comitato Italiano Paralimpico Umbria, promotore dell’evento. Per questo voglio ringraziare anche il presidente Gianni Luca Tassi, che da anni ci guida nel perseguire una sempre più convinta inclusione sociale divenuta, per la nostra Amministrazione, un punto d’orgoglio e di conquista culturale irrinunciabile. Un pensiero di gratitudine lo rivolgo al consigliere Nicola Bazzucchini, senza il quale il coordinamento delle attività non avrebbe avuto tale efficacia”.