Scoccia: “Abbiamo riqualificato metà delle scuole di Perugia”

167

Da candidata sindaco impegno per reperire fondi prossimi lavori

   

In questi anni a Perugia abbiamo riqualificato e messo in sicurezza 47 scuole tra asili nido, materne, elementari e medie, istituti frequentati ogni mattina da 9 mila bambini e ragazzi.

Praticamente la metà degli istituti della città.

Sono scuole più sicure adesso, più innovative e meglio attrezzate dal punto di vista dell’efficientamento energetico. Ce ne sono altrettante da rimettere in sesto e mi impegnerò personalmente a reperire fondi per i prossimi lavori”: lo ha annunciato la candidata sindaco di Perugia per centrodestra e civici Margherita Scoccia. “L’attenzione dell’amministrazione comunale nei confronti dell’edilizia scolastica è altissima – aggiunge – e la consideriamo da sempre una delle nostre priorità”.
“Nel complesso gli interventi approvati dalla giunta comunale di Perugia durante questi dieci anni – ricorda Scoccia in un comunicato – hanno riguardato il 44% dei 108 istituti scolastici gestiti dal Comune, il vero cambio di passo però c’è stato nella seconda consiliatura 2019-2024 grazie ai fondi sisma e al Pnrr che ci hanno consentito di rinnovare 36 scuole, praticamente un terzo di tutte quelle della nostra città. Sono stati effettuati e stiamo tuttora portando avanti interventi di messa in sicurezza, adeguamento sismico, sostituzione edilizia ed efficientamento energetico degli istituti. L’edilizia scolastica garantisce la sicurezza degli edifici e allo stesso tempo assicura una digitalizzazione degli ambienti didattici di apprendimento. I nostri investimenti hanno riguardato la ristrutturazione, la messa in sicurezza e la riqualificazione energetica degli edifici puntando ad aumentarne la sicurezza sismica, ridurre le emissioni e migliorare le classi energetiche degli edifici. In alcuni casi le vecchie scuole sono state completamente demolite e ricostruite daccapo”.