Perugia ‘piange’ Poppi Vinti

258
 

Il mondo del tennis perugino, e non solo, è in lutto per la scomparsa di Rodolfo ‘Poppi’ Vinti, padre fondatore e colonna portante dello Junior Tennis Perugia. Vinti non è riuscito a sconfiggere il Covid che negli ultimi giorni lo aveva fortemente debilitato e che nella notte tra lunedì 1 e martedì 2 marzo lo ha costretto alla resa. Una notizia che ha scosso l’intero ambiente sportivo perugino, tanta la notorietà, l’apprezzamento umano e sportivo che lo stesso Vinti si è era con merito guadagnato negli anni. Numero uno del tennis perugino, prima come giocatore e poi come dirigente (è stato Presidente fino al 2017), è l’uomo che ha portato a Perugia gli Internazionali femminili d’Italia dal 1980, che hanno visto sui campi di via XX Settembre giocare e vincere anche la mitica Chris Evert.

IL CORDOGLIO DEL COMUNE DI PERUGIA

Il Sindaco Romizi e l’Assessore allo Sport Pastorelli esprimono profondo cordoglio per la scomparsa di Rodolfo ‘Poppi’ Vinti, figura di riferimento del tennis perugino, atleta e poi dirigente sportivo apprezzato  a livello nazionale ed internazionale. Presidente di uno dei circoli tennistici più importanti della città, Junior Tennis Perugia dove è rimasto in carica fino al 2017, Vinti è l’uomo che ha portato a Perugia gli Internazionali femminili d’Italia dal 1980, che hanno visto sui campi di via XX Settembre affrontarsi atleti di fama mondiale. Non è riuscito a vincere la partita più difficile, quella contro il Coronavirus, lasciando un enorme vuoto nel mondo sportivo perugino.

“Perugia perde una figura importantissima  – dichiarano il Sindaco Romizi e l’Assessore Pastorelli – nel mondo del tennis, non solo legato alla nostra città. “Poppi” si è prima distinto come atleta, mettendo in campo un “ottimo polso” anche in età matura e poi ha dimostrato grande lungimiranza e professionalità in ambito dirigenziale ed organizzativo.

E’ stato il padre fondatore dello Junior Tennis Perugia, che da Presidente ha condotto a risultati sportivi di rilievo e a riferimento indiscusso per la crescita di giovani atleti”.