“La Giunta ha perso un’occasione per ridare slancio al mondo dello sport umbro”

72
Sigillo, sabato 8 la

“La Giunta ha perso un’occasione per ridare slancio al mondo dello sport umbro”. Il commento dei Consiglieri del PD, Porzi e Meloni

“La Giunta Regionale ha perso un’occasione importante per ridare slancio al mondo dello sport umbro, fortemente penalizzato da oltre un anno di restrizioni e inattività”.

lo dicono, le consigliere del Partito democratico Simona Meloni e Donatella Porzi a seguito del voto contrario espresso ieri in Aula su una loro mozione contenente una serie di misure “molto attese dalle associazioni sportive e dalla famiglie”.

“Non si può affermare che si è consapevoli dell’importanza del ruolo dello sport nella formazione e nella salute dei ragazzi e dei bambini e poi, nello stesso momento, negare la possibilità di fare di più e meglio per questo settore ormai in ginocchio. Torniamo dunque a chiedere che si intensifichino le politiche regionali destinate al settore, che vadano incontro alle preoccupazioni espresse dal mondo dello sport di base, dilettantistico e dal mondo dell’associazionismo sportivo umbro facendo leva anche sui residui di bilancio. Servono sostegni diretti alle società sportive, in particolare per quelle che sono impegnate nella gestione degli impianti e che sostengono spese fisse non facilmente comprimibili. Riteniamo non rinviabile anche l’introduzione di un voucher per le famiglie, che possa integrare le quote di iscrizione dei propri figli ai corsi e alle attività sportive dell’anno in corso, così da favorire la più ampia partecipazione dei ragazzi alla ripresa delle medesime attività. Altri temi ignorati dall’Esecutivo regionale sono quelli dell’accesso al credito e la proposta di moratoria sui mutui accesi dalle società sportive presso l’istituto per il Credito Sportivo o altri soggetti bancari. Nei giorni scorsi alcune discipline sportive sono state autorizzate a riprendere la loro attività ma molte realtà prevedono comunque di doverle ridurre e così anche il numero dei collaboratori. Se non si interviene subito il settore rischia di andare fortemente in crisi a causa della netta riduzione delle iscrizioni, delle sponsorizzazioni e anche degli incassi legati agli eventi. Tutto ciò, mentre si attendono risposte concrete per far fronte alle tante spese relative alla gestione degli impianti sportivi, che rimangono aperti solo grazie all’impegno dei tanti volontari che dedicano tempo e risorse al mondo della promozione sportiva umbra”.