Gualdo Tadino: il Comune investe sulle aree verdi

212

Oltre mezzo milione di euro in diverse zone della città

   

I parchi devono essere luoghi che appartengono a tutti, aperti e accessibili a chiunque, sono risorse fondamentali per quanto riguarda la sostenibilità, la sicurezza e la socialità tra generazioni. Il verde pubblico non è solo un ornamento, ma una componente fondamentale per la qualità di vita.

In questa prospettiva l’Amministrazione Comunale di Gualdo Tadino si è impegnata per ottenere i finanziamenti necessari presentando progetti di riqualificazione che vedranno protagoniste nei prossimi mesi diverse aree pubbliche della nostra città tra cui i Giardini Pubblici “R. Pinacoli” nei pressi del centro storico, dove gli interventi sono già iniziati per una spesa complessiva di 200.000 euro, di cui 172.000 € con fondi regionali derivanti dai canoni delle acque minerali e la restante parte con fondi comunali. I lavori interesseranno la riqualificazione del verde, la sistemazione dei viali, l’implementazione dell’area per i bambini anche con l’istallazione di giochi inclusivi. Inoltre, per la prima volta dalla loro collocazione, verranno restaurati tutti i monumenti in bronzo e marmo che insistono nell’area.

Giardini Pubblici di Viale Don Bosco “A. Di Bitonto”: Il progetto nasce da uno studio elaborato dall’ex Istituto qualche anno fa e mai realizzato. Il filo conduttore che si snoderà lungo il percorso riguarda la storia che va dall’Unità d’Italia alla fondazione dell’Europa Unita. L’importo complessivo degli interventi è di 252.000 euro, finanziato in parte dalla Regione Umbria con il canone delle acque minerali, dal Progetto Meet e dalla Fondazione Perugia e da privati.

Anche l’area giochi di San Guido sarà potenziata con ulteriori elementi per il gioco e il divertimento dei più piccoli, infatti grazie ad un finanziamento della Regione Umbria, si sta procedendo agli acquisti per un importo di 30.000 euro.

A Croce Canale da anni gli abitanti del posto si sono presi cura di uno spazio verde che, negli anni, è diventato un punto di aggregazione per adulti e bambini. L’Amministrazione, grazie alla proficua collaborazione con l’Agenzia Forestale (Afor), è riuscita ad ottenere un importante contributo di 35.000 euro che permetterà di riqualificare l’area con l’installazione di giochi.

In ultimo non va sottaciuto il parco giochi in via della Stazione, realizzato grazie alla collaborazione tra l’Ente Comunale e l’azienda privata che ha investito in quell’area, che è divenuta anche porta d’ingresso della città. Un esempio sinergico che, a dispetto di chi lo aveva definito “cattedrale nel deserto” è uno spazio ricreativo molto frequentato e ben tenuto.

“Quanto descritto – hanno sottolineato l’Assessore all’Ambiente Paola Gramaccia e l’Assessore ai Lavori Pubblici, Jada Commodi – vuole confermare come questa Amministrazione si è impegnata nella valorizzazione, nel recupero e nel miglioramento delle aree verdi pubbliche con investimenti per circa 520.000 euro, di cui soltanto una piccola quota reperita con fondi comunali. Gli spazi verdi pubblici sono un pilastro fondamentale di realtà come la nostra, dove la tutela e la valorizzazione del patrimonio verde pubblico cittadino assume non solo un significato estetico, ma rappresentano un ambiente sociale, ricreativo ed educativo alla base di una convivenza civile che ci ha sempre contraddistinto, in un’epoca dove, invece, i nostri ragazzi impegnano forse troppo del loro tempo davanti ad uno schermo”.