Emergenza abitativa: il piano del comune di Terni

1728
 

Un piano, con una serie di strategie, per fronteggiare il problema dell’emergenza abitativa. L’Amministrazione comunale, in collaborazione con l’ufficio Edilizia residenziale sociale (ERS), incaricato di individuare diverse modalità di intervento a fronte delle varie tipologie di situazioni legate al disagio abitativo quale conseguenza della situazione di criticità economica, sociale e lavorativa, mette in campo una serie di interventi multilivello. Le azioni, volte alla prevenzione e al sostegno del disagio e dell’emergenza abitativa, rispondono a un modello di rete sulla base di accordi e protocolli operativi con le organizzazioni di settore al fine di dare risposte complementari e soluzioni concrete. Un progetto che accanto al Comune vede la Fondazione Carit e l’associazione San Martino.

“Ferma restando – dichiara il vicesindaco con delega al Welfare Francesca Malafoglia – la distinzione tra emergenza abitativa vera e propria, che richiede un intervento immediato come soluzione di primo livello e tempi serrati e disagio abitativo che, costituisce una difficoltà cui rispondere con soluzioni di intervento pianificabili e programmabili al fine di evitare che il problema si trasformi, poi, in emergenza abitativa, gli interventi multilivello, elaborati prevedono diverse macro aree di azione”.

Per l’esattezza tre: la programmazione e pianificazione di metodologie e azioni innovative; la creazione di una struttura comunale di riferimento degli interventi ai vari livelli; la collaborazione con la rete territoriale pubblica e privata. Tra i progetti: il Pronto Intervento Sociale, forma di accoglienza residenziale di breve durata – massimo trenta giorni – rivolta a nuclei familiari in emergenza abitativa che richiedono un tempo limitato di ospitalità in attesa di soluzioni abitative già improntate o da ipotizzare; il piano Affidi Solidali, presentato dall’associazione San Martino alla Fondazione Carit, destinato a 25 nuclei familiari – per una durata di massimo 12 mesi- fornisce un sostegno economico alla locazione a favore dei nuclei familiari sottoposti a procedure di sfratto che presentino morosità incolpevole o procedure di sfratto. Valore globale del progetto euro 100.000,00 di cui 80% a valere sul finanziamento Carit, il 20% a valere quale contributo del Comune di Terni.

“Tra gli obiettivi prefissati – aggiunge il vicesindaco –  c’è l’avvio di un percorso condiviso con le rappresentanze sindacali degli inquilini e dei proprietari immobiliari per la realizzazione di azioni di mediazione, a diverso titolo e forme di collaborazione volte a favorire l’incontro tra domanda e offerta abitativa con l’opportunità di rivedere gli accordi territoriali di stipula dei contratti di locazione al fine di ridurre i canoni praticati sul territorio, creando un meccanismo che consenta una corrispondenza più utile a favore dei nuclei che rientrano nel target dei progetti o che rispondano ad altri target quali le donne vittime di violenza domestica”.

Altro tipo di mediazione previsto è rappresentato da un’offerta “pronto uso” mediante la predisposizione di un elenco di proprietari disponibili a locare la propria proprietà a condizioni particolari- canoni ridotti, rinuncia del deposito cauzionale, termine di durata della locazione- o riduzione della Tasi della seconda casa, nel caso in cui i proprietari accettino di stipulare una delle forme di canone concordato. In questo caso si parlerà di Baratto Amministrativo.

“Ritengo che il modello di rete basato sulla collaborazione tra tutti i soggetti che a diverso titolo si occupano di dare risposte concrete a problemi legati ai disagi abitativi –  conclude Francesca Malafoglia – sia la strada migliore per trovare soluzioni operative. La pianificazione degli interventi a sostegno abitativo non può che non essere condivisa con le organizzazioni di settore, con l’Amministrazione e con i cittadini. Siamo convinti che la città risponderà come ha sempre fatto, con responsabilità e altruismo”.