Depuratore Spello- Castellaccio, terminati i lavori di adeguamento dell’impianto

235
   

 

Terminato l’intervento sull’impianto di depurazione Spello-Castellaccio per l’adeguamento alla direttiva 91/271 che nel rispetto dell’ambiente disciplina l’appropriato trattamento delle acque reflue.  È ora in fase di collaudo l’impianto su cui sono stati realizzati lavori di particolare importanza considerando che lo stesso, situato in località Spello- Castellaccio, serve un territorio di oltre 50 kmq con un bacino d’utenza di circa 25 mila unità, tra fisso e fluttuante. Si ricorda che il progetto commissionato dall’A.U.R.I. (Autorità Umbra Rifiuti e Idrico) con un importo complessivo di 2 milioni e 750 mila euro – finanziato per 2 milioni di euro con il riutilizzo delle economie FSC (Fondo per lo Sviluppo e la Coesione) ex FAS da parte della Regione Umbria e per 750 mila euro dalla VUS SpA – è stato appaltato dalla VUS che ha seguito tutta la fase esecutiva. “Si completa un intervento atteso da anni concretizzatosi grazie alla sinergia e all’impegno tra Regione Umbria, AURI, Vus e Comune di Spello e di fondamentale importanza in quanto va a mitigare le criticità del reticolo fognario provenienti dalle diverse linee del territorio comunale e da quello circostante – commenta il sindaco Moreno Landrini – Sempre in sinergia con la Vus, l’Amministrazione comunale continuerà l’attività di progettazione e di esecuzione di ulteriori azioni di ampliamento e potenziamento della rete fognaria per migliorare i servizi per il territorio e per i cittadini come la prossima esecuzione della rete fognaria in via Pastine, Via Pastine II e via Santa Pia”.