CNR Porano, Mancini: “Confermata la volontà di non trasferire ”

212
   

“Ho discusso in Aula l’interrogazione, sottoscritta anche dalla collega della Lega Manuela Puletti, in merito al possibile trasferimento dell’Istituto CNR di Ricerca sugli Ecosistemi Terrestri (IRET) dalla sede di Porano – esordisce il Consigliere Regionale Valerio Mancini (Lega) – l’Assessore Roberto Morroni ha reso noto che sono attualmente in corso interlocuzioni tra la Provincia di Terni, proprietaria di Villa Paolina, attuale sede dell’Istituto, e il CNR per addivenire quanto prima ad un nuovo accordo pluriennale che consenta di confermare l’attuale sede. Entrambe le parti sono favorevoli ad una prosecuzione del rapporto – prosegue Mancini – e l’Assessore si è impegnato a monitorare l’evolversi della situazione confermando che intende sostenere con ogni azione che potrà rendersi utile alla celere conclusione del percorso amministrativo già avviato. È fondamentale mantenere la sede del CNR a Porano sia perché fortemente legata alle tematiche di ricerca ambientale condotte dall’istituto stesso, ma anche perché spostarla sarebbe sconveniente dal punto di vista economico dato che si arriverebbero a spendere minimo 2 milioni e mezzo di euro a fronte delle poche centinaia di migliaia che da decenni garantiscono collaborazioni e ottenimento di fondi europei, nazionali e regionali. Ringrazio l’Assessore Morroni per l’impegno che si è assunto e ribadisco totale disponibilità a fare anche io la mia parte affinché la sede rimanga a Porano – conclude Mancini – è un nostro dovere difendere gli interessi della nostra regione e la ricerca scientifica che da quarant’anni è un fiore all’occhiello per la provincia di Terni, ma anche i quaranta dipendenti che lavorano al Cnr-Iret di Porano, che sono una ricchezza irrinunciabile per la comunità”.