Cioccolentino da record. 75 mila presenze fanno ben sperare per il futuro dell’Umbria

451

E’ stata un’edizione estremamente positiva quella di Cioccolentino che si è tenuta a Terni dal 10 al 14 febbraio, con un’affluenza da record di circa 75mila visitatori in cinque giorni. Se, durante i giorni feriali, la maggior parte delle presenze sono state locali, ovvero provenienti dalla regione, nel fine settimana dell’11 e 12 febbraio, molti più visitatori del previsto sono arrivati anche da fuori, soprattutto dal Lazio e dalla Campania. Ribadendo quanto già affermato dopo il weekend, Andrea Barbarossa, organizzatore della kermesse ha tenuto a sottolineare, ancora una volta, come questa edizione di Cioccolentino faccia ben sperare per il futuro della regione da un punto di vista turistico.

“Cioccolentino –ha aggiunto- quest’anno ha fatto anche un ulteriore salto di qualità, grazie alle tante e importanti collaborazioni, come quelle con la Chef Academy e l’Accademia del Make Up di Terni, la Federazione Italiana di Pasticceria, cioccolateria e gelateria, l’Accademia Italiana Maestri Cioccolatieri, che ci hanno permesso di avere ospiti importanti e organizzare show cooking, degustazioni, guidate, laboratori per adulti e bambini, momenti di approfondimento che il pubblico ha mostrato di apprezzare particolarmente.”

Da qui, dunque, si lavora già pensando al 2018.

“La nostra intenzione –ha spiegato ancora Barbarossa- è quella di rafforzare la parte didattica dell’evento, con la presenza di esperti, oltre a migliorare ancora l’aspetto estetico della kermesse e l’impatto sulla città, che già quest’anno ha permesso una maggiore fruibilità grazie ad una diversa disposizione degli stand.”

Una conferma in tal senso arriva anche da Ronny Albucci, direttore della Chef Academy:

“Siamo molto soddisfatti – ha detto – di questa prima esperienza, che consideriamo un punto di partenza da sviluppare per il prossimo anno, con l’obiettivo di creare un cartellone d appuntamenti specifici, con chef stellati e presenze qualificate del mondo della pasticceria e cioccolateria internazionale.”

Dello stesso avviso anche Cinzia Maturi, responsabile della Scuola di Cake design e del concorso Love cake, che da anni collabora con Cioccolentino.

“Ogni anno – ha detto Cinzia – il nostro obiettivo è stato sempre quello di offrire al pubblico un approfondimento sul cake design e sulla pasticceria di qualità, che quest’anno ha visto anche la partecipazione di membri della FIPGC, coordinati dalla delegata umbra Angelica Martinetti. Love Cake ormai è un must di Cioccolentino e chissà che, con il tempo, non possiamo dare vita ad un vero e proprio festival del cake design.”

A proposito di Love Cake, mentre ieri sono state premiate le torte del contest La torta che non scoppia, che ha visto vincitrice la coppia formata da Deborah Ricci e suo figlio Giorgio, le torte dell’altro contest sul tema della città e dell’amore saranno esposte in vari spazi di Terni fino al 9 marzo, quando al Ristorante Cicalino saranno proclamati i vincitori della categoria individuale e di quella a squadre. Apprezzato anche il claim di questa edizione #Amoriincorso, nato proprio dall’esperienza del terremoto, quasi come un invito a fondare la rinascita sull’amore, inteso in tutte le sue sfaccettature, che ha saputo attrarre un pubblico davvero trasversale. Il programma di Cioccolentino 2017 è stato particolarmente ricco di iniziative, anche grazie al contributo fattivo delle associazioni, come Incontri Arte Terni, il Ponte degli Artisti, I Pagliacci, l’Associazione Bruna Vecchietti, lo Zoo di Simona, che tanto fanno, ogni giorno, per il territorio e che, in occasione della manifestazione, hanno contribuito senza dubbio al suo successo, sia dal punto di vista culturale, che della solidarietà. Solo nel pomeriggio del 14 febbraio, grazie all’iniziativa benefica Amor di Stelle, realizzata dall’Associazione I Pagliacci in collaborazione con il Forno Tugni, sonno stati raccolti 1.250 euro con la sporzionatura della maxi torta in Corso Tacito.

“Destineremo questi soldi al reparto di Pediatria dell’ospedale di Terni – ha spiegato Alessandro Rossi dell’Associazione I Pagliacci – decidendo nel dettaglio come, insieme al primario, il dottor Miconi, in base alle esigenze del reparto stesso. Già l’anno scorso – ha ricordato – grazie anche ai fondi raccolti in occasione di Cioccolentino, abbiamo potuto acquistare un evidenziatore vascolare di ultima generazione, che l’ospedale di Terni è l’unico ad avere nel cento Italia.”

Per non parlare dei partner e sponsor, grazie ai quali, intorno al laboratorio dei Pasticcioni, in Piazza Europa, si è potuta organizzare una cornice quotidiana di animazioni per tutti i gusti.

“Voglio ringraziare i nostri partner per il contributo fattivo che hanno dato – ha concluso Barbarossa – a partire da Thun, che ha visto moltissimi visitatori, di tutte le età, farsi immortalare con il Teddy Love per dichiararsi simpaticamente I love you, a Rossi Mercedes Benz, con il coinvolgente contest per gli spot, vinto da Gessica e Aldo, da Mondo Convenienza, davanti al cui gonfiabile c’è stata sempre la fila alla Fitarco e al suo villaggio degli arcieri.”

Insomma, quella 2017 è stata un’edizione da ricordare anche quanto a ricchezza dei contenuti, ai quali si sta già lavorando in vista della prossima edizione, con l’obiettivo di sviluppare un evento che possa essere un richiamo significativo di presenze in città, in occasione dei festeggiamenti per il patrono e per la festa degli innamorati.