Vallo di Nera, in arrivo “Fior di Cacio”

402

Da non perdere la “Filatura della mozzarella”, lo show cooking “Cacio e Pepe” ed il gran finale con la “Maxi ricotta di Fior di Cacio”

   

È iniziata oggi, sabato 4 giugno 2022, a Vallo di Nera (Pg) la XVIII edizione di “Fior di Cacio”, la mostra mercato delle produzioni casearie artigianali di qualità e dei prodotti umbri, che terminerà domenica 5 giugno.

Vecchie cantine, vicoli e piazze del castello di Vallo di Nera si sono animate, accogliendo i produttori dei migliori formaggi artigianali umbri e non solo, vere opere d’autore, affianco ai produttori di tartufi, miele, cereali, vini, salumi e degli altri prodotti locali, oltre ai numerosi artigiani; che fino a domenica sera, daranno la possibilità a visitatori ed estimatori di conoscere, degustare e comprare aromi, sapori e forme differenti, dal pecorino stagionato in botte, caratterizzato da suadenti profumi di erbe aromatiche, al primo sale a latte crudo, dal più raffinato caprino abbinato al bicchiere di birra artigianale, alla ricercata ricotta salata della Valnerina, tra i prodotti principe della tradizione pastorale di questi luoghi, Presidio Slow Food dal 2019, ricavata esclusivamente da latte ovino di greggi pascolate in Valnerina.

A dare il via alla giornata di domenica 5 giugno, due passeggiate, una in partenza alle ore 9.00 che porterà a percorse un tratto del tracciato della Ex ferrovia Spoleto-Norcia (Info e prenotazioni tel. 333 4562716), l’altra in partenza alle ore 9.30 che percorrerà invece il Sentiero degli Eremiti, da Castel San Felice a Vallo di Nera (Info e prenotazioni tel. 338 3575871).

Nella giornata di domenica, a fare da cornice alla mostra mercato, diversi saranno gli appuntamenti di degustazione delle varie produzioni casearie, anche in abbinamento agli altri prodotti umbri:

a partire da “La Formaggissima in 3P” che si terrà sia alle ore 10.00 che alle ore 15.30. Una vera e propria “marcia di assaggi” che permette di visitare il borgo di Vallo di Nera percorrendo le tre tappe in cui assaggiare Prosciutto, Pane e Pecorino cotto, che sarà accompagnata dai canti e dalle danze della tradizione contadina umbra del gruppo folkloristico di Canto popolare di Giano dell’Umbria, la mattina, mentre nel pomeriggio per le vie del paese ci saranno “Andrea e Damiano” con il loro organetto, che si esibiranno in stornelli a braccio e nel tipico saltarello.

Da non perdere poi  alle ore 11.00 “La filatura con assaggio della mozzarella” a cura del Caseificio Trinei di Gualdo Tadino, durante la quale dalla cagliata verrà lavorata e filata la mozzarella, che sarà poi possibile assaggiare; alle ore 12.00 ed alle ore 19.00 “I Mille matrimoni del formaggio” un educational multisensoriale a cura di Promocamera – Camera di Commercio dell’Umbria, guidato dai due esperti gastronomi Renzo Fantucci e Claudio Spallaccia, che condurranno i partecipanti alla scoperta di diverse tipologie di  formaggi, in abbinamento ai vini umbri delle cantine Ninni di Spoleto, Di Filippo di Cannara, Carini di Perugia e Lungarotti di Torgiano.

Alle ore 13.00 sarà la volta dello show cooking “Cacio e Pepe”, durante il quale i “Cavalieri della Tavola Apparecchiata”, baldi cavalieri che girano in lungo e largo lo stivale alla scoperta e all’assaggio delle eccellenze enogastronomiche italiane dei migliori piccoli produttori, conoscitori dell’alchimia della cucina tradizionale, che a Vallo di Nera, prepareranno la vera pasta cacio e pepe della Valnerina, illustrandone i segreti della tipica ricetta e servendola in una forma di cacio prodotta dal Caseificio Virdis.

Per meglio approfondire la conoscenza delle diverse lavorazioni casearie, che danno ai formaggi sfumature di sapore ed odore differenti, i gastronomi Renzo Fantucci e Claudio Spallaccia terranno inoltre, nella serata di domenica 5 giugno alle ore 20.30 l’educational dal titolo “La parola all’affinatore” in cui illustreranno le possibili “affinature dei formaggi” che da freschi vengono stagionati ed affinati aromatizzandoli con erbe o spezie, immersi nelle vinacce, avvolti nella paglia in folgia, in luoghi che vanno dalle botti, alle grotte naturali e cantine e così via.

Nel pomeriggio di domenica 5 giugno alle ore 16.00 si terrà lo spettacolo teatrale per bambini “Mago per svago” con Simon Luca Barboni Mirco Bruzzesi, a cura di Fontemaggiore Teatro Stabile di Innovazione, che fa parte del progetto “Sorrisi Festival, spettacoli all’insegna della leggerezza” sostenuto dal MiC e della Regione Umbria. Mago per Svago si rivela al pubblico grazie alla sua colonna sonora. Un ritmo trascinante che nei suoi accenti racchiude i momenti più significativi della storia. Racconta di un mago e del suo spettacolo, ma soprattutto, racconta di un assistente e del suo desiderio di conquistare la scena. Uno spettacolo in cui la magia è condita di imprevisti ed errori, fino ad un epilogo che ribalta l’intera scena e commuove lo spettatore.

Come da tradizione, alle ore 18.00 in Piazza Santa Maria, “La maxi Ricotta di Fior di Cacio”, una ricotta di 80 kg, arriverà a bordo di un Ape, scortata dai Cavalieri della Tavola Apparecchiata. La ricotta verrà preparata in una grande cesta di vimini intrecciata a mano – realizzata da Genesio Rosati cittadino della Fraz. di Paterno, borgo di canestrai, in cui i salici vengono da sempre intrecciati – per essere offerta fresca, a tutti i presenti. In Piazza a chiudere la giornata, alle ore 19.00, si esibirà il Duo Chitarra e Voce “Onde d’Arte” con il loro repertorio che spazio dalla musica lirica alle canzoni popolari.

Anche nella giornata di domenica 5 giugno, grandi e bambini potranno passeggiare a dorso degli asinelli a cura de La Mulattiera, partecipare alle discese in rafting del Fiume Nera presso il Centro Rafting Nomad e visitare due esposizioni: “Graffiti umbri: mostra tematica sui graffiti umbri medievali e moderni”, a cura di Pier Paolo Trevisi, allestita nella Loggia del chiostro dell’ex convento di santa Maria, un percorso alla scoperta dei luoghi umbri segnati dai graffiti medievali e moderni, opera di pellegrini e viandanti, scritture spontanee lungo i sentieri del pellegrinaggio che hanno segnato anche il territorio di Vallo di Nera; e nel chiostro del convento francescano la mostra fotografica sulla Ex- Ferrovia Spoleto-Norcia, oggi stupendo tracciato da percorrere a piedi o in bicicletta, a cura di Luigi Fasciglione.

Fior di Cacio è organizzato dal Comune di Vallo di Nera, con il contributo del Gal Valle Umbra e Sibillini PSR per l’Umbria 2014 – 2020 mis. 19.3 e con il patrocinio e la collaborazione di: Regione Umbria, Promocamera – Camera di Commercio dell’Umbria, Provincia di Perugia, Cedrav – Centro Documentazione Ricerca Antropologica In Valnerina, Onaf – Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Formaggio e le Pro Loco di Vallo di Nera e di Meggiano.