Todi, parchi senza insetticidi e senza zanzare

985

Avviare un percorso per la gestione ecocompatibile delle aree verdi cittadine di Todi con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini, a partire soprattutto dalle scuole, a limitare l’utilizzo degli insetticidi nei parchi della città incoraggiando l’adozione di soluzioni alternative. È quanto prevede il progetto “Parchi senza insetticidi e senza zanzare”, promosso dal Servizio Igiene Pubblica della USL Umbria 1 e dallo Studio Naturalistico Hyla, che vede coinvolti l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Todi, Polizia Municipale, Protezione civile e tre istituti scolastici della città: Istituto Tecnico Agrario “Ciuffelli”, scuola primaria di Porta Fratta e scuola dell’infanzia del Broglino. Il progetto è stato presentato venerdì 20 novembre 2015 nella Sala della Giunta comunale di Todi alla presenza del Sindaco Carlo Rossini, di Alessandro Maria Di Giulio del Servizio Igiene Pubblica della USL Umbria 1, di Emi Petruzzi dello Studio Naturalistico Hyla, di Barbera Passagrilli, insegnante alla Scuola Infanzia del Broglino, di Fabio Marioli, docente all’Istituto Tecnico Agrario “Ciuffelli”, di Gilberto Santucci, responsabile della Fattoria Didattica del “Ciuffelli” e degli alunni delle scuole coinvolte nel progetto. Il progetto si articola in una serie di azioni di educazione ambientale rivolte alle scuole, iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza ed interventi volti a ridurre l’utilizzo degli insetticidi nel aree verdi urbane della città. Due le aree della città interessate dall’intervento nella fase iniziale: il Parco dell’Istituto Tecnico Agrario “Ciuffelli” ed i giardinetti di Porta Fratta, nelle quali verrà attuata la sperimentazione. Per dare continuità nel tempo al progetto e favorire la trasferibilità delle “buone pratiche”, la fattoria didattica del “Ciuffelli” inserirà nel proprio catalogo uno specifico laboratorio di educazione ambientale al quale potranno avere accesso tutte le scuole del territorio regionale. Le principali azioni previste dal progetto sono: incontri nelle scuole per divulgare il problema e conoscere più da vicino le specie di insetti presenti nei parchi ed i loro possibili predatori; giornate di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza nell’ambito delle quali verrà effettuata l’istallazione delle cassette nido per uccelli e pipistrelli nei siti individuati; monitoraggio dell’entomofauna sanitaria; monitoraggio delle cassette nido; realizzazione, in collaborazione con le scuole coinvolte nel progetto, di materiale informativo da distribuire alla cittadinanza per favorire un ulteriore coinvolgimento e sensibilizzazione nei confronti delle tematiche trattate; installazione di bacheche nei parchi coinvolti in cui vengano fornite informazioni sulle azioni intraprese; realizzazione da parte degli alunni delle scuole partecipanti di filmati pubblicabili in siti web, pagine di social network e blog dedicati all’iniziativa. Il percorso con le scuole si articolerà in 4 incontri in classe, tutti impostati sulla didattica laboratoriale, in occasione dei quali verranno sperimentate metodologie per la lotta agli insetti nocivi evitando l’utilizzo di pesticidi. Sono previste inoltre 2 uscite presso i parchi cittadini coinvolti nel progetto allo scopo di collaborare attivamente all’istallazione delle cassette nido e di effettuare un loro successivo monitoraggio. Le fasi operative del progetto saranno consultabili su PODIS Portale Disinfestazione all’indirizzo www.portaledisinfestazione.org.