Terremoto: le donne umbre in prima linea

504

Sensibilità e concretezza ma nel giorno dell’8 marzo si scopre il ruolo forte della donna anche nell’emergenza terremoto. In particolare in Umbria.

“Abbiamo dimostrato la capacità di lavorare in squadra, condividendo la concretezza del risultato, rispetto all’affermazione del proprio ruolo” ha sottolineato con l’ANSA Catiuscia Marini, presidente della Regione. Evidenziando il ruolo delle “donne che vivono nelle comunità: sono state un elemento di coesione e hanno trasmesso il senso di ritorno alla normalità”.

Anche alla dirigente scolastica di Norcia, Rosella Tonti, piace mette in evidenza come il

“terremoto abbia in qualche modo detto che noi donne abbiamo un marcia in più, determinazione”.

Un concetto ripreso da Marica Mercalli, soprintendente alle Belle arti dell’Umbria che ha parlato di

“senso pratico che mettiamo nelle nostre azioni”.

Giuseppina Perla, assessore comunale di Norcia, sempre in prima linea

“e pronta ad ascoltare tutti a cominciare dagli anziani le persone più fragili”.

Fonte: Ansa.it