Tef Channel Speciale Dilettanti: “Quali prospettive di lavoro per il calciatore dilettantistico?”

651

Alessio Nofri Onofri, difensore dell’Angelana, Giampaolo Giuliacci, centrocampista della Pievese, Maurizio Marchei, ex grifone della metà degli anni ’70, ed allenatore del settore giovanile del Grifo,  uno dei tanti che hanno scelto di vivere a Perugia dopo aver chiuso la carriera calcistica :  atleti di oggi e di ieri a confronto, tra aspettative sportive e progetti di vita professionale. Cresce il numero dei giovani calciatori che, con il sostegno delle famiglie, si indirizzano nello studio per avere maggiori opportunità una volta chiusa l’attività calcistica, di trovare lavoro. Non esistono  modelli precisi, c’è anche chi riesce a conciliare allenamenti e lavoro ed è il caso di Alessio Nofri,  figlio d’arte che, dopo una partenza ricca di prospettive sportive, ha preferito restare in Umbria e puntare ad un lavoro nel settore tessile. Sono rari i casi di dirigenti di società che hanno offerto prospettive di impiego  ai giovani atleti per permettere loro di conciliare allenamenti e lavoro. Tra questi Brunello Cucinelli e il Presidente fino alla scorsa stagione del Villabiagio, Vicaroni. Il fenomeno del presidente titolare di un’azienda, che offriva anche un posto di lavoro, si è rarefatto, negli ultimi anni per via della crisi economica. Se il calciatore professionista, in virtù di un’attività piena, si preoccupa del suo futuro solo quando inizia la parabola discendente della sua carriera, il calciatore di squadre dilettantistiche inizia a pensarci molto prima. Il tema sarà affrontato nel dibattito del salotto di “Tef Channel Speciale dilettanti” in programma domenica prossima alle ore 19 su Tef Channel, canale 12. Ospite della trasmissione condotta da Mario Mariano sarà anche la professoressa Iva Catarinelli, Presidente regionale di Unicef, che esporrà un progetto che sarà presentato venerdì 20 novembre alla sala dei Notari dal titolo “Per ogni bambino la giusta opportunità”.