“Regione renda note valutazioni sui direttori della sanità”

116

La nota del Pd

“Rendere note le valutazioni fatte dalla Giunta regionale rispetto all’operato dei direttori generali della sanità nel periodo 2019-2021, così come richiesto dalla legislazione vigente”.

 

Lo chiedono, attraverso un’interrogazione a risposta scritta, i consiglieri regionali del Partito democratico Fabio Paparelli, Simona Meloni e Michele Bettarelli.

“Riteniamo che i cittadini umbri abbiamo il diritto di conoscere le pagelle di chi amministra un settore fondamentale come quello della sanità o il perché non si è dato seguito a tale adempimento di legge. Quali e quanti obiettivi siano stati raggiunti o meno in questi ultimi anni, tanto più, tenuto conto che in questi ultimi due anni il sistema sanitario ha maturato oltre 84 milioni di debiti, nonostante i trasferimenti straordinari dello Stato assegnati per la gestione dell’emergenza sanitaria Covid e che la sanità pubblica è al collasso con liste di attesa interminabili” sostengono in una nota congiunta. “Le normative regionali e nazionali – ricordano i consiglieri del Pd – impongono la verifica annuale degli obiettivi raggiunti dai direttori delle Aziende sanitarie e ospedaliere, anche in ragione dei premi di produttività da assegnare, e il mancato raggiungimento degli stessi, in termini di obiettivi di salute e assistenziali, costituisce un grave inadempimento contrattuale tanto da comportare la decadenza automatica degli stessi. Come noto – proseguono Paparelli, Meloni e Bettarelli – ai direttori vengono assegnati annualmente obiettivi relativi a performance gestionali, alla qualità dei servizi, alla produttività delle aziende ed al conseguimento dell’equilibrio economico-finanziario aziendale. Se ci limitassimo a valutare anche solo quest’ultimo fattore, visti i conti del preconsuntivo 2021 che hanno accertato oltre 84 milioni di euro di disavanzo a carico delle aziende sanitarie regionali, dubitiamo che le valutazioni a carico dei quattro direttori allora in carica siano particolarmente brillanti. E forse i ritardi o le mancanze del loro operato potrebbero creare qualche imbarazzo di troppo”. “Per altro – affermano Paparelli, Meloni e Bettarelli – chi oggi è a capo della sanità regionale, ovvero il dottor Massimo D’Angelo, e ha imposto di recente il piano di rientro alle stesse aziende oltre che il blocco delle assunzioni, fino a qualche mese fa era uno dei direttori sanitari che hanno contribuito a creare lo stesso buco di bilancio. Questo aspetto non può essere di certo considerato un elemento che gioca a favore di un rilancio della sanità umbra nel suo complesso. Per questo – concludono i consiglieri regionali Pd – riteniamo prioritario che la Giunta regionale su questi temi faccia al più presto chiarezza e renda noto se ha mai valutato i direttori e quale eventualmente il giudizio assegnato all’operato di questi manager della sanità pubblica”.