Perugia: torna il Flower Show

87
 

Perugia: torna il Flower Show. I giardini del Frontone si riempiranno di colori e profumi

Diventato ormai un appuntamento florovivaistico irrinunciabile, Perugia Flower Show torna a riempire di colori e profumi i Giardini del Frontone, nel fine settimana dal 18 al 20 settembre.

Questa mattina nella sala della Vaccara è stata presentata la nona edizione autunnale della mostra mercato.

Una tre giorni che permetterà ai visitatori più esperti e ai nuovi appassionati di scoprire in anteprima nazionale le novità del settore e di incontrare i migliori collezionisti e produttori di rarità botaniche. L’edizione di settembre con i suoi caldi colori autunnali sarà interamente dedicata alle varietà più affascinanti che raggiungono il loro massimo splendore nel periodo che va da settembre a gennaio, per permettere a chiunque di avere un giardino o semplicemente un balcone fiorito tutto l’anno, non solo in primavera.

Foto: Pasquale Punzi

Ad aprire la conferenza stampa è stata l’organizzatrice Lucia Boccolini, amministratore di Magenta Events, che ha rassicurato tutti visto il momento storico:

“La manifestazione seguirà tutti i protocolli nazionali anti-covid, ai visitatori verrà misurata la temperatura corporea e dovranno rispettare il metro di distanza”.

L’evento ritorna a settembre dopo essere stato rinviato per ben due volte, prima a maggio e poi a giugno, causa l’emergenza nazionale.

“Siamo tra i pochi a ripartire con eventi botanici, molti hanno rinunciato visto tutto quello che è successo, ma noi no. Il motivo è quello di dare dei segnali positivi al pubblico, dare un bell’evento alla città e soprattutto un segnale di serenità trasmettendo il concetto che possiamo convivere con la situazione attuale. Per tutto questo ringrazio il Comune di Perugia, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia e l’Università degli Studi di Perugia, con il Dipartimento di Scienze Agrarie. Tutti hanno creduto in questa ripartenza. Al pubblico che verrà a trovarci vorrei dire una cosa non venite solo per comprare le piante, che sono sì la parte importante dell’evento, ma venite anche per imparare. Tutti gli espositori sono disponibili a fare lezione dal giardinaggio base agli incontri tematici sul mondo della natura, agli argomenti scientifici con esperti del settore come entomologi e patologi”.

Il Flower Show si conferma, quindi, anche come evento formativo. Tutti i corsi che si terranno durante la tre giorni dell’evento sono gratuiti, basta visitare il sito della manifestazione per potersi iscriversi.

Foto: Pasquale Punzi

“Un’altra bellissima manifestazione per Perugia – ha commentato l’Assessore comunale allo sport e commercio Clara Pastorelli -. Un bel successo in questo momento di difficoltà. Nel programma un’attenzione sempre grande per i bambini, per gli appassionati con tutti i corsi gratuiti e poi la bellissima passeggiata per conoscere meglio il quartiere dove si terrà l’evento. Grazie a Magenta Events per questa bellissima manifestazione e per la decisione di donare al Comune il pratino che verrà utilizzato durante l’iniziativa”.

Tanti i corsi del Dipartimento di Scienze Agrarie, illustrati dalla Prof.ssa Lara Reale.

“Si è creata – ha spiegato la professoressa – una grande sinergia con l’organizzazione dell’evento per cui abbiamo deciso di presenziare durante la manifestazione partecipando attivamente con alcuni corsi dedicati a tutti i visitatori, come la scoperta delle piante al microscopio, che si terrà venerdì 18 settembre, o con l’Ospedale delle Piante, dove esperti del settore visiteranno le foglie malate che i visitatori porteranno per una diagnosi completa”.

A concludere è stata Elisa Giulietti, organizzatrice assieme a Cristiana Mapelli, della visita guidata al Borgo Bello, alla scoperta del quartiere e dei giardini nascosti:

“Ringrazio l’organizzazione, la visita partirà dai Giardini Carducci per arrivare ai Giardini del Frontone, un ‘viaggio’ all’interno di uno dei quartieri più belli e conosciuti di Perugia, una visita ‘total green’ per ammirare i lati più nascosti del Borgo Bello”.