Perugia: prevenzione e cura del disturbo del gioco d’azzardo

271

Perugia: prevenzione e cura del disturbo del gioco d’azzardo. La Giunta comunale al lavoro per un piano attuativo locale

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore Cicchi, ha dato il via al percorso per predisporre il  Piano Attuativo Locale per la prevenzione, cura e riabilitazione del disturbo del gioco d’azzardo per il triennio 2019 – 2021 per i tre comuni della Zona sociale 2, Perugia Corciano e Torgiano, in attuazione del Piano Regionale in materia.

In particolare, sarà costituito un Gruppo Integrato di lavoro con il Distretto del Perugino della Azienda AslUmbria1, con le Associazioni di riferimento, i Comuni interessati, con il coinvolgimento sia degli operatori dei Servizi Sociali che dei Servizi giovani, dei Servizi educativi e scolastici e di quelli dei Servizi alle imprese. Il Piano attuativo dovrà prevedere attività di informazione, di supporto e di inclusione sociale, finalizzate a prevenire la diffusione del disturbo da gioco d’azzardo con un approccio di comunità, regolamentare e contenere l’offerta di gioco d’azzardo lecito, contrastando l’illegalità e promuovendo una cultura alternativa all’azzardo. Sarà necessario, inoltre, facilitare l’accesso al sistema dei servizi, consolidare e migliorare il sistema dei servizi sanitari deputati alla presa in carico delle persone con Disturbo da Gioco d’Azzardo (DGA) e delle loro famiglie, promuovere l’inserimento del persone con DGA a livello sociale, relazionale e lavorativo e sostenerne le famiglie; infine, sviluppare le attività di monitoraggio dei fenomeni connessi al gioco d’azzardo.

“Il Disturbo da Gioco d’Azzardo è un fenomeno molto complesso – ha spiegato l’assessore al Welfare Edi Cicchi – che deve avere una risposta qualificata, che tenga conto dei molteplici aspetti di cui si compone. Purtroppo, è un fenomeno che riguarda sempre più famiglie, che finiscono per trovarsi in gravi difficoltà economiche a causa del gioco d’azzardo e tutte le fasce d’età. Per questo è necessario che si intervenga con azioni di cura e riabilitazione, ma soprattutto di prevenzione. Altrettanto importante è avere un approccio integrato al fenomeno, che coinvolga più istituzioni e più servizi. Il Comune di Perugia già da tempo ha messo in campo azioni al riguardo, sia nell’ambito delle politiche giovanili che adottando specifiche misure di contrasto al gioco d’azzardo. L’adozione del Piano attuativo locale si pone in continuità con tali azioni, cercando di affrontare la complessità del problema in maniera multidisciplinare e interistituzionale.”