Nuovi prezzi e lavori: riunita la nuova commissione tecnica regionale

753
Regione Umbria: la situazione del personale precario
 

L’eventuale aggiornamento dei prezzi e le caratteristiche  delle lavorazioni, provvedendo ad introdurre nuovi approfondimenti, come quelli riferiti alle lavorazioni necessarie alle indagini preventive necessarie alle relazioni archeologiche: sono questi i temi principali affrontati dalla Commissione tecnica regionale che si occupa dell’elenco dei prezzi e dei costi per la sicurezza nei lavori pubblici che si è riunita a Perugia, nella sede regionale di Piazza Partigiani, alla presenza dell’assessore regionale ai lavori pubblici Stefano Vinti.  Della Commissione, che è stata rinnovata dalla Giunta regionale il 23 marzo scorso, fanno parte tecnici della Regione Umbria, delle associazioni imprenditoriali, di quelle professionali e delle unioni di comuni e province. Il tutto con il supporto di una segreteria tecnica che fa capo al Servizio Opere Pubbliche della Regione. “Il primo incontro della nuova Commissione è stato utile anche per fissare l’agenda dei prossimi mesi – ha affermato l’assessore Vinti, che ha ricordato l’importanza dell’esperienza del prezzario umbro come riferimento base per le lavorazioni in ambito pubblico ed ormai frequentemente utilizzato anche nei lavori privati.  “Il percorso compiuto dalla Regione Umbria in questo versante – ha sottolineato Vinti – è diventato un riferimento apprezzato per numerosi enti ed istituzioni in ambito nazionale, soprattutto nelle materie riguardanti i costi della sicurezza, manodopera e l’introduzione dei relativi riferimenti normativi”.