La Guardia di Finanza di Città di Castello ha scoperto un giro di fatture false

1048
   

In tre anni di indagini la Gdf di Città di Castello ha accertato che diverse imprese metalmeccaniche tifernati avrebbero dato vita ad un giro di fatture false per aumentare i costi sostenuti e comprimere le imposte da versare all’erario, per oltre 6 milioni di euro di redditi sottratti a tassazione e circa due milioni di Iva indebitamente detratta. Sono 24 le persone denunciate a vario titolo per emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta. (fonte: Ansa.it)