La “Festa dei Ceri” diventa multimediale

638
 

Erano presenti il sindaco Filippo Mario Stirati e l’assessore Augusto Ancillotti alla conferenza stampa di presentazione del centro promozionale sulla Festa dei Ceri dal titolo ” I CERI- enjoy & share” che si è tenuta questa mattina nella sala degli Stemmi in Piazza Grande, spazio che si inaugurerà giovedì alle   18,30 in via Baldassini . «Un momento storico atteso da anni – lo ha definito il sindaco Stirati – con uno spazio dedicato ai Ceri, emozionale ed emozionante capace di coinvolgere anche chi non è eugubino, per far conoscere tutti gli elementi della Corsa. Un’operazione culturale di grande comunicazione anche per recuperare quel riconoscimento Unesco, che la città di sicuro merita, perduto per errori di valutazione e scelte sbagliate. »   L’inaugurazione del 30 aprile sarà preceduta da un workshop dedicato alle ‘Grandi macchina a spalla’, a cui parteciperanno rappresentanti delle città di Nola, Palmi, Sassari e Viterbo, già inserite nel Patrimonio Immateriale dell’Unesco.   « Il locale in pietra di via Baldassini – ha proseguito il sindaco – è uno spazio magnifico che, con l’arricchimento di foto e istallazioni multimediali,  diventa sicuramente un luogo speciale accessibile ed avvolgente. Si colma così – continua il sindaco Stirati – un vuoto e un bisogno di cui si avvertiva l’estrema necessità, per una città che si concentra nella data del 15 maggio ma che tutto l’anno vive nello spirito incarnato dalla Festa dei Ceri. Un ringraziamento all’assessore Augusto Ancillotti e al Settore turistico e culturale del Comune, nonché alla Regione Umbria e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, fortemente voluto anche dal tavolo della ‘Festa dei Ceri’, per dare al nostro folklore la dimensione che merita. » L’assessore Ancillotti, condividendo quanto espresso dal sindaco Stirati, ha affermato: « Gubbio ha bisogno del mondo. Possiede ricchezze uniche che ha saputo conservare nel tempo, anche grazie ad una sorta di isolamento. Oggi, senza rinnegare le tradizioni del passato, la città deve accettare la sfida della globalizzazione, aprirsi, condividere e farsi conoscere senza per questo snaturare la propria identità. Con tale operazione, intendiamo arricchire l’offerta turistica per trattenere i visitatori e intendiamo far apprezzare tale proposta con una quota ingresso simbolica di 1 euro». Il centro promozionale sarà gestito dal personale del Museo civico di Palazzo dei Consoli e rappresenterà una vetrina su Gubbio e la sua tradizione per chiunque visiterà la città in qualsiasi momento dell’anno ad un costo simbolico attraverso una strumentazione multimediale coinvolgente a livello emozionale. Il progetto fortemente voluto dall’amministrazione comunale e dal tavolo della ‘Festa dei Ceri’, è finanziato per 50.000,00 dalla Regione Umbria e 40.000 Fondazione Crpg. Il centro promozionale sulla ‘Festa dei Ceri’, è parte del progetto complessivo del centro di documentazione e studio, di taglio più culturale, storico e scientifico, che verrà allestito a breve all’interno della Biblioteca comunale, dove ci sarà una sezione riservata all’archiviazione e studio di tutto il materiale documentario, dai testi al materiale video ed audio sparso tra i vari soggetti pubblici e privati. La sezione scientifica dell’intero progetto verrà inaugurata tra qualche mese, dopo la firma del protocollo relativo alla costituzione e gestione del centro che, oltre al Comune, impegna il tavolo istituzionale della Festa, la Regione Umbria e l’Università degli studi di Perugia, che metterà a disposizione figure professionali adatte al lavoro di studio e catalogazione. Nel 2013 l’Università di Perugia ha depositato presso la Biblioteca Sperelliana un fondo contente materiale librario e documentario raccolto dal noto antropologo Maurizio Del Ninno, scomparso nel 2012. Poiché una buona parte di questo materiale riguarda la Festa dei Ceri o comunque ambiti antropologici ad essa profondamente connessi, la sistemazione di questo fondo sarà tra le prime attività che il Centro avvierà.