Ideato un nuovo dispositivo per la sanificazione di abiti e oggetti

108
Adisu, pervenute oltre 6 mila domande di borse di studio
 

Ideato un nuovo dispositivo per la sanificazione di abiti e oggetti. Da azienda nata come progetto accademico con l’Università di Perugia

Un piccolo spinoff universitario che anno dopo anno si è trasformato in qualcosa di sempre più grande, fino ad arrivare a creare un congegno utile pure in epoca di pandemia: EN4, azienda nata nel 2006 come progetto accademico dell’Università di Perugia e ora da più di 15 anni operante in vari campi ingegneristici avanzati, ha ideato, prodotto e brevettato un dispositivo (Igea) che grazie alla tecnologia del plasma freddo permette la sanificazione di molte tipologie di oggetti in pochi secondi. Lo fa – sostengono i responsabili del progetto – in modo veloce e sicuro, senza rilasciare sostanze tossiche.

Igea è stato quindi il modo in cui l’azienda ha cercato di mettere in campo le proprie competenze e dare un contributo nel contesto così provante della diffusione del Covid-19. Igea (www.igeaplasma.com) è il prodotto su cui le 15 persone che lavorano nell’azienda di Corciano si sono impegnate negli ultimi mesi.

La tecnologia del plasma freddo (o non thermal plasma) è utilizzata in molti campi, grazie alle caratteristiche sanificanti date dalla ionizzazione dell’aria. Ma la sfida intrapresa da EN4, come spiegano i realizzatori, è stata quella di portare questa sofisticata tecnologia in un dispositivo utilizzabile facilmente da chiunque, come nel caso di un cliente in un negozio di vestiti che desidera avere una sicurezza maggiore sanificando direttamente i capi che andrà a provare.

L’applicazione che ha destato immediato interesse, infatti, è stata proprio quella per la sanificazione di vestiti all’interno di negozi di abbigliamento, soluzione da subito recepita con interesse. Nel punto vendita Terranova di Bastia Umbra, in cui è stata installata la prima macchina, “i clienti si sono dimostrati da subito molto felici di poter aumentare la propria sicurezza con una macchina così innovativa, veloce e pratica” sostengono da EN4. Dopo questo primo passo, l’obiettivo per l’azienda umbra è quello di portare l’applicazione in varie tipologie di ambiti, che possono andare dai musei alle strutture sportive, rendendo più sicure le esperienze delle persone anche in questi luoghi.