“Happy Corner”, il nuovo punto di ritrovo per i giovani di Perugia

179

“Eat happy, be happy”. Con questo slogan è arrivato a Perugia un locale che mancava

   

Da sabato 25 giugno è aperto al pubblico Happy Corner che tra food & games si rivolge ai più giovani per puntare ad offrire cibo, bevande, giochi e divertimento sani.

Happy Corner nasce dall’esperienza dei gestori del Ristorante Ferrari che hanno pensato, ideato e realizzato uno spazio unico nel centro storico della città. Un vero e proprio “angolo della felicità” situato in via Scura n. 6 (traversa Corso Vannucci, accanto al Ristorante Ferrari dove in passato c’era il Luna Bar Ferrari).

Venerdì 24 giugno, con un’anteprima, è stato presentato alle istituzioni e alla stampa. Immancabile il tradizionale taglio del nastro che ha visto la presenza dell’assessore all’urbanistica, edilizia privata e arredo urbano del Comune di Perugia Margherita Scoccia. Assessore che, portando anche i saluti e i ringraziamenti del sindaco per il tipo di attività avviata, ha manifestato apprezzamento per l’obiettivo che intende perseguire il locale.

Happy Corner è infatti nato, come hanno spiegato i gestori, per andare incontro ai bisogni della città e soprattutto ai più giovani, ma dove anche gli adulti possono trovare momenti di relax, con un occhio sia alla qualità che alla responsabilità.

Finalmente così, il centro di Perugia torna ad avere un punto di ritrovo per i ragazzi di oggi strizzando l’occhio ai divertimenti e alle sale che caratterizzavano l’acropoli qualche decennio fa. Si potrà godere quindi di un ottimo fast food, di sale riservate per giochi da tavolo e non solo per ritrovare una socialità d’altri tempi.

“I genitori devono capire che se i loro figli sono qua sono in buone mani” affermano i tipi di Happy Corner: “Un locale per gente che vuole passare del tempo a mangiare e a divertirsi senza i cosiddetti shottini, che sono diventati l’unica offerta per i giovani che frequentano il centro storico”.

Hamburger, patatine fritte, poke bowl, pollo fritto gustoso e croccante grazie ad una frittura sana e leggera che è possibile con attrezzature moderne sulle quali il locale ha investito molto. Senza contare le materie prime, tutte di produttori locali.

Ma soprattutto, niente superalcolici da servire ma solo bibite analcoliche. Unica concessione è fatta con in menù una birra leggera e a bassa gradazione, birra chiara alla spina che è vietata comunque ai minori di 18 anni.

Tutto ordinabile elettronicamente con un dispositivo touch screen all’ingresso, come nelle grandi catene di fast food, e a prezzi accessibili.

E poi, dopo il cibo, grandi protagonisti sono anche i giochi utilizzabili gratuitamente: quelli da tavola oppure biliardo, calciobalilla e freccette, senza dimenticare l’aspetto digitale ma con il controllo di una società di sport elettronici per realizzare anche tornei.

Giovane anche il personale, con 7 persone che al momento lavoreranno qua in partenza. L’obiettivo è anche quello della formazione con la possibilità che sarà data anche ad altri ragazzi dopo i 18 anni, in maniera stagionale, per inserirsi nel mondo del lavoro.