Coronavirus: denuncia per procurato allarme

236
Terni, fermato con addosso 1 kg di cocaina: arrestato
Fonte foto: Ansa.it
 

Coronavirus: denuncia per procurato allarme. Da parte dei sindaci di Arrone e Polino a seguito di un messaggio vocale diffuso nelle chat Whatsapp

Una denuncia contro ignoti per procurato allarme è stata presentata ai carabinieri da parte dei sindaci di Arrone e Polino, Fabio Di Gioia e Remigio Venanzi, a seguito di un messaggio vocale diffuso nel pomeriggio di venerdì 6 marzo nelle chat Whatsapp di numerosi residenti dei due comuni in cui si parlava – riferiscono i due amministratori – della presenza di un caso certo di coronavirus nel territorio. Circostanza smentita ufficialmente dall’Usl Umbria 2, interpellata dagli stessi sindaci.

“In un momento delicato come quello che stiamo vivendo – spiega Di Gioia – occorre buon senso. Con la nostra denuncia vogliamo cercare di contrastare ogni informazione falsa che possa creare un allarme ingiustificato tra la popolazione”.