“Borghi Sicuri”, potenziati i pattugliamenti di Polizia

131

Nelle zone di Piccione, Colombella e Villa Pitignano

   

Il progetto “Borghi Sicuri”, voluto dal questore di Perugia Giuseppe Bellassai, procede senza sosta in tutta la provincia.

L’intensificazione delle attività di monitoraggio ha coinvolto, negli ultimi giorni il comune di Perugia con particolare riferimento alle aree di Colombella, Piccione e Villa Pitignano.

La questura, attraverso l’impiego di proprie pattuglie in cooperazione sinergica con gli equipaggi del reparto prevenzione crimine Umbria-Marche, ha realizzato tre posti di controllo nel corso dei quali sono state identificate 65 persone e controllati due esercizi commerciali.

I controlli sono stati estesi anche alle aree cittadine di maggiore aggregazione sociale come i parchi urbani dove gli equipaggi hanno effettuato altrettanti posti di controllo e ulteriori azioni di prossimità verso i cittadini.

Nel corso del pattugliamento è stato rintracciato un cittadino straniero di 48 anni. Accompagnato in questura per l’identificazione, è emersa la condizione di irregolarità sul territorio nazionale ed è stato pertanto preso in carico dall’Ufficio immigrazione. A suo carico è stato emesso il provvedimento prefettizio di espulsione e gli è stato notificato l’ordine del questore di lasciare il territorio nazionale.

“La capillarità e la prossimità del progetto ‘Borghi Sicuri’ – riferisce la questura – rimarrà azione salda e costante per l’intera estate che si prospetta ricca di attività di svago e sociali in tutto il territorio della provincia di Perugia dove la polizia di Stato punta ad un ulteriore abbassamento degli indici di criminalità dalle aree cittadine, dei territori limitrofi e di quelli più periferici della provincia”.