Alta velocità, piastre logistiche e collegamenti stradali tra le priorità

570
 

Assicurare maggiore efficienza sotto il profilo burocratico-amministrativo e un ulteriore impegno per lo sviluppo infrastrutturale dell’Umbria. È quando hanno sottolineato gli imprenditori della sezione Trasporti di Confidnustria Umbria nel corso dell’incontro con l‘assessore alle infrastrutture della Regione Umbria Giuseppe Chianella, ospite dell’assemblea degli imprenditori del settore.

“L’Umbria – ha detto il presidente della Sezione Trasporti Riccardo Morelli – sconta da sempre le difficoltà di collegamento con le altre Regioni, in particolare per quanto riguarda il settore ferroviario. Al momento le reti infrastrutturali in essere risultano estremamente carenti sotto il profilo dell’efficienza e, ultimamente, riscontriamo criticità serie anche sotto il profilo della sicurezza per la mancanza negli ultimi anni di adeguate opere di manutenzione”.

Il presidente Morelli ha colto l’occasione per parlare anche del Piano regionale Trasporti su cui Confindustria Umbria, da tempo, ha presentato delle puntuali osservazioni sulla base delle esigenze evidenziate dagli imprenditori che operano in questo settore.

“Innanzitutto – ha aggiunto Morelli – è ormai urgente che il piano venga approvato, considerato che l’arco temporale per la sua attuazione è 2014/2024. Crediamo che sia indispensabile scegliere le opere più urgenti e concentrare su di esse le risorse necessarie, opere che devono soddisfare le vere esigenze di sviluppo dell’intero sistema regionale”.

Gli imprenditori chiesto all’Assessore chiarimenti in merito ad alcune questioni cruciali: dalla effettiva possibilità di realizzare la stazione dell’Alta Velocità Medio Etruria, alla gestione delle piastre logistiche, alla conclusione di alcune grandi opere infrastrutturali come la Quadrilatero, Terni-Rieti e Fano-Grosseto fino allo stato di avanzamento dei progetti di alcune arterie fondamentali (Tre Valli, Fori di Baschi, Complanare di Orvieto e collegamento Gubbio-E45)

“Chiediamo alle istituzioni – ha concluso Morelli – un cambio di passo deciso sui temi trattati, perché possono segnare uno sviluppo importante di tutto il sistema regionale. Il tempo per le indecisioni è scaduto e le imprese si trovano ogni giorno a confrontarsi con il mercato, che è il mondo, e che viaggia ad una velocità doppia della nostra”.

 L’Assessore Regionale Chianella, nel corso del proprio intervento ha sottolineato l’utilità del confronto con gli operatori economici umbri su temi di grande rilevanza come quello dei trasporti, giudicando positivamente questa iniziativa. Nella sua esposizione ha precisato che il Nuovo Piano Regionale dei Trasporti, quale strumento di programmazione, risulta essere in linea con quanto auspicato da Confindustria Umbria, in particolare per quel che riguarda la dotazione infrastrutturale dell’Umbria. Ha però precisato che il percorso avviato negli ultimi anni dalla Regione, porterà proprio, nel corso dei prossimi mesi, a superare tale situazione di isolamento, ricordando in particolare l’ormai prossima conclusione dei lavori della Quadrilatero, l’imminente conclusione dei lavori nel tratto laziale della Terni-Rieti, nonché l’avvenuto finanziamento per la conclusione della Terni-Civitavecchia, che consentirà il collegamento diretto tra Tirreno e Adriatico. Chianella – concludendo – ha rimarcato che “il tema del completamento e dell’adeguamento infrastrutturale della nostra regione, rimarrà anche nei prossimi anni centrale nell’azione amministrativa della Giunta Regionale”, ed ha annunciato che il PRT, dopo l’ultimo passaggio previsto in Commissione Consiliare per la prossima settimana, verrà trasferito al Consiglio Regionale per la calendarizzazione dei lavori dell’aula, auspicando la sua approvazione entro la fine dell’anno”.