Un voto per sostenere i pazienti oncologici

77
Nella foto Carlo Basurto
 

Un voto per sostenere i pazienti oncologici. Anche AUCC aderisce all’iniziativa “Il Mio Dono. L’appello di Carlo Basurto, medico oncologo in pensione e volontario dell’associazione

L’AUCC aderisce anche quest’anno all’iniziativa “Il Mio Dono”, promossa da Unicredit, che mette a disposizione delle organizzazioni Non profit un totale di 200 mila euro.

“Ogni organizzazione può ricevere fino a un massimo di 12.000 euro – fa sapere Carlo Basurto, medico oncologo in pensione attualmente volontario AUCC e testimonial della campagna –. Più voti riceve l’associazione maggiore sarà l’importo che Unicredit destinerà alla stessa. Votare è molto semplice, basta cliccare sul link della piattaforma o sul sito dell’Aucc per esprimere la propria preferenza”.

Il link per votare è il seguente: https://www.ilmiodono.it/it/votazione.html?organizzazione=/content/ilmiodono/it/organizzazioni/umbria/associazione_umbraperlalottacontroilcancroonlus_10.

L’anno appena trascorso ha segnato una brusca interruzione degli eventi di beneficenza a livello regionale: cene, spettacoli, eventi in piazza, mostre e tante altre attività che hanno sempre garantito un flusso di entrate indispensabili al mantenimento dei servizi di assistenza socio-sanitaria.

“L’iniziativa Il Mio Dono risulta quindi indispensabile in questo momento di difficoltà – sottolinea Carlo Basurto che decide di lanciare un appello agli umbri –. Vi esorto a votare l’AUCC e a diventare promotori dell’iniziativa coinvolgendo i vostri amici e familiari. Un voto in più può fare la differenza sul risultato finale”.

Dall’inizio della pandemia l’Aucc non ha mai interrotto l’assistenza oncologica domiciliare nè i servizi di psiconcologia.

“L’équipe medica ha continuato a garantire i servizi domiciliari – afferma il dottor Basurto – consentendo agli ospedali di concentrarsi sull’emergenza Covid 19 inoltre abbiamo continuato a sostenere la Ricerca Scientifica”.

L’Aucc ha fornito infatti nuove borse di studio della durata di un anno per attività di ricerca di supporto al progetto “Studio di nuovi geni coinvolti nei meccanismi di proliferazione cellulare”.