Umbertide: “Luci di solidarietà”, in 200 alla marcia silenziosa organizzata da “Donne Insieme”

657

Per dire stop alla guerra in Ucraina

Una partecipata fiaccolata per dire no alla guerra in Ucraina si è svolta ieri sera, martedì 8 marzo, per le vie cittadine di Umbertide. Un appuntamento intitolato “Luci di solidarietà” nato su iniziativa dell’Associazione Donne Insieme-dalla tua parte e patrocinato dal Comune di Umbertide.
Circa 200 le persone che hanno sfidato il freddo per manifestare il loro no alla guerra e la loro vicinanza al popolo ucraino, rappresentato da una grande bandiera gialla e blu sorretta dalla comunità ucraina presente ad Umbertide.
Prima di iniziare la passeggiata silenziosa, illuminata dalle torce dei telefoni, i partecipanti si sono ritrovati sotto la Rocca di Umbertide, salutati dalle parole del Sindaco Carizia che ha partecipato alla manifestazione insieme a tutta la Giunta comunale, della Presidente del Coordinamento per la Pace – Umbertide, Montone, Lisciano Niccone Giuseppina Gianfranceschi e di Eleonora Giannelli, Presidente dell’Associazione Donne Insieme, organizzatrice dell’evento.
“Le donne, i bambini e tutto il popolo ucraino – ha dichiarato il Sindaco Carizia – stanno subendo una guerra ingiusta che tutti noi non vogliamo. Tutti i giorni, nel nostro piccolo, dobbiamo dare il nostro contributo a parlare e soprattutto a trattare per superare l’uso delle armi. Le associazioni di volontariato e l’Amministrazione comunale stanno lavorando per dare una degna ospitalità ai profughi ucraini. Un’iniziativa come questa, svolta in un giorno particolare come quello dell’8 marzo, assume un significato molto importante, e supera qualsiasi parola e discorso”.
A prendere la parola anche Alessia, giovane ucraina da anni ad Umbertide che ha letto un’emozionante lettera, con la voce più volte rotta dalle lacrime, in rappresentanza della numerosa comunità ucraina del territorio. Al grido di “Slava Ukraini”, il saluto che gli ucraini usano tra di loro per augurarsi buona sorte durante questo sanguinoso conflitto, la fiaccolata ha attraversato via Roma, via Unità d’Italia, via Garibaldi per concludersi in Piazza Matteotti, dove si è ripetuto il coro della comunità ucraina, una popolazione forte e fiera, costretta a combattere una guerra sanguinosa e criminale.
“È stata una manifestazione pacifica e spontanea – ha dichiarato Eleonora Giannelli di Donne Insieme – di persone che ci tengono a sottolineare il loro no ad ogni forma di guerra. Con questa passeggiata abbiamo voluto ricordare che i conflitti si risolvono con la mediazione, con i negoziati e con gli accordi, e non con il sangue dei civili. Il nostro è stato un piccolo gesto ma la numerosa partecipazione ci ha dimostrato che anche ad Umbertide esiste una forte sensibilità nel difendere la pace e il futuro di tutti”.