Tuoro pronta a “catapultarsi” nel 217 a. C.

474

Appuntamento sabato 12 agosto a partire dalle ore 17 con history games, spettacoli dei gladiatori e musica celtica

   

Tuoro si prepara a catapultarsi nel 217 a.C..

Nell’ambito del cartellone del Ferragosto Toreggiano (31 luglio -15 agosto), sabato 12 la manifestazione vivrà uno dei suoi momenti più intensi con “Tuoro 217 a.C.”, la celebre rievocazione storica della Battaglia del Trasimeno, avvenuta nel giugno del medesimo anno.

Il borgo che si affaccia sul Trasimeno è dunque pronto a tuffarsi nel passato più glorioso della Roma antica.

“L’appuntamento con la storia” sarà all’interno del centro storico, dove saranno allestiti gli accampamenti dei due schieramenti che presero parte al cruento scontro: quello romano e quello annibalico.

Il programma dell’evento prevede, a partire dalle ore 17, history games e giochi antichi presso Piazza del Rondó.

In Piazza Municipio invece saranno rievocati gli antichi mestieri e sarà possibile effettuare il cambio moneta per poter acquistare oggetti in tema.
Il Parco il Sodo invece sarà la location dove saranno ricreati i due accampamenti: quello romano ad opera della locale “Legio Prima Taurus” e quello Punico Cartaginese da parte del gruppo di rievocatori “Nertobacos”.

Nel complesso entreranno in scena un centinaio di figuranti, a disposizione del pubblico che potrà avvicinarli e saperne di più su questa affascinante rievocazione.

Gli eventi di intrattenimento avranno inizio alle 19. Previsti spettacoli a rotazione di danza antica e danza col fuoco con Sirene del Nilo e fuochi antichi; lo spettacolo dei gladiatori grazie ai figuranti della Legio Prima Taurus e di Nertobacos; lo spettacolo sull’arena a cura di Legio Prima Taurus.
Dalle 22.15 musica celtica con il concerto degli Üttern presso il Parco il Sodo.

Infine, dalle 19,30 nella taverna storica sarà possibile degustare menù di ispirazione romana, cartaginese ed etrusca.

Il Ferragosto Toreggiano, ormai punto fermo nel calendario delle manifestazioni di Tuoro, è il risultato del lavoro congiunto di Pro loco, Rioni e Amministrazione comunale.

“Un’occasione unica – spiegano i promotori – per gustare i profumi, i sapori e l’atmosfera di un passato che ancora vive nella memoria e nella tradizione di questo bellissimo territorio”.