Scuola: “224mila euro per sostenere la didattica a distanza”

195
 

Lo dichiara l’assessore Paola Agabiti, che ha presieduto anche un tavolo con gli operatori della cultura e dello spettacolo

“Con il provvedimento approvato oggi in Giunta, la Regione sostiene con 224mila euro le scuole umbre nella organizzazione e realizzazione della didattica a distanza durante l’emergenza Covid-19”.

Lo dichiara l’assessore alla scuola, Paola Agabiti, a seguito dell’approvazione della delibera regionale con la quale viene istituito uno stanziamento straordinario per le scuole primaria e secondaria di primo e di secondo grado. Le risorse, provenienti dal bilancio regionale di previsione 2020/2021, serviranno per consentire agli studenti in difficoltà, nella connettività e/o nella dotazione di hardware, di accedere alla modalità della didattica on line, secondo un ordine di merito che tenga conto della situazione economica delle rispettive famiglie.

“Si tratta – spiega Agabiti di un primo intervento di natura emergenziale, immediatamente esecutivo e quindi a disposizione delle scuole per fronteggiare le criticità di natura tecnica legate all’insegnamento a distanza”.

CULTURA E SPETTACOLO

“L’incontro rappresenta una opportunità preziosa per condividere con gli operatori della cultura e dello spettacolo le iniziative da intraprendere per sostenere un settore particolarmente colpito dalla crisi”.

Lo dichiara l’Assessore alla Cultura Paola Agabiti al termine della riunione del Tavolo di crisi per l’emergenza Covid-19 con gli operatori, i rappresentanti di categoria, i rappresentanti delle associazioni e l’Anci Umbria per il settore della cultura e dello spettacolo. Dal confronto, tenutosi in videoconferenza, è emersa da parte degli operatori del settore la necessità di sostenere la liquidità e favorire la ripresa delle attività future per garantire la qualità dell’offerta e il consolidamento delle programmazioni per i prossimi anni.

“Da parte della Regione – aggiunge Agabiti – c’è la consapevolezza che la cultura e lo spettacolo rappresentano un elemento fondamentale per l’intera economia umbra, a partire dalla forte sinergia di questo settore con il turismo, il commercio e l’artigianato. Oltre all’aumento delle risorse a disposizione con il Bilancio, che abbiamo già attuato, stiamo lavorando a nuove opportunità di finanziamento, sia in sede di confronto Regioni-Governo, sia attraverso un utilizzo veloce e virtuoso dei fondi europei”.

“Salvaguardare il nostro patrimonio culturale, materiale e immateriale, significa preservare la nostra storia e la nostra identità e, allo stesso tempo, creare le condizioni per un futuro sostenibile e di qualità”

conclude l’assessore Agabiti.