Puliti e Rueca: “Sicuri della legittimità e trasparenza del nostro operato”

782
(Foto: terninrete.it)

“Piena fiducia e completa disposizione” nei confronti della magistratura sono state espresse dal presidente del Servizio idrico integrato, Stefano Puliti, e dal direttore generale, Paolo Rueca, in merito all’indagine aperta dalla procura di Terni sulla presunta turbativa d’asta nell’affidamento dei lavori di realizzazione del nuovo acquedotto Scheggino-Pentima.
In base a quanto risulta ai vertici della società idrica – e riferito in una conferenza stampa – il fascicolo è al momento aperto a carico di ignoti.

“Siamo sicuri della legittimità e della trasparenza del nostro operato” hanno detto Puliti e Rueca, che auspicano che l’indagine abbia “tempi rapidi”.

In merito alla nuova opera, presidente e dg hanno evidenziato che porterà “nuova acqua più pulita e in quantità maggiori rispetto all’attuale situazione. L’acqua non sarà captata direttamente dal Nera ma da altre falde e non inciderà sul fiume”. Il costo del progetto, di oltre diciassette milioni e mezzo di euro.