Prime anticipazioni e principali novità per Umbria World Fest

489

Importanti novità in casa Umbria World Fest. Il tutto, mentre si avvicina la 14esima edizione dell’Umbria World Fest, unico Festival di fotografia e musica in Italia e che prosegue dal alcuni anni il cammino dell’ormai storico Canti e Discanti, che si svolgerà a Foligno e a Montefalco dal 9 all’11 ottobre 2015. E sarà, ancora una volta, luogo di sperimentazione e incontro tra culture attraverso un programma ricco di mostre fotografiche inedite, concerti, proiezioni multimediali, workshop di fotografia, incontri d’autore, letture portfolio aperte a tutti e un concorso fotografico.

Il tema di quest’anno, “S-Confini”, è stato pensato per richiamare l’attenzione sul superamento del concetto odierno di confine, geografico o culturale che sia; una tematica di grande attualità che emergerà sia attraverso le mostre fotografiche che la programmazione degli eventi musicali con artisti di fama nazionale ed internazionale che apriranno suggestive finestre sul mondo.

Alla tradizionale città di Foligno quest’anno si aggiunge anche Montefalco: le location di Palazzo Trinci, Candiotti, Zut e Auditorium San Domenico per Foligno, insieme al Complesso Museale di San Francesco a Montefalco, sono i simboli culturali delle due città scelti come luoghi prediletti in cui la fotografia contemporanea e la musica possano dialogare con architetture ed affreschi storici.

Quest’anno, inoltre, il Festival avrà come supervisore artistico Marco Pinna, Photo Editor di National Geographic Italia, che ha offerto il suo contributo per la selezione degli artisti nazionali e internazionali ospiti di questa edizione del festival e per la realizzazione delle mostre fotografiche, dopo la sua collaborazione stretta anche nelle precedenti edizioni.

“Dal 2011 collaboro con questo festival e con questa città – dichiara Pinna –, che mi ha accolto a braccia aperte, permettendomi di valorizzare artisti che stimo, di realizzare mostre importanti, di diffondere il linguaggio della fotografia che amo. Quest’anno mi è stato affidato un compito di grande responsabilità, che ho accettato volentieri soprattutto per il rapporto di fiducia e di empatia che mi ha legato fin dal primo momento agli organizzatori del festival e alla loro città e per l’enorme potenzialità di questa formula unica e nelle possibilità di espressione artistica che offre”.

Piter Foglietta rimane comunque direttore del Festival (sia come direzione generale sia per la parte musicale). “Dopo alcuni di anni di collaborazione, con un sempre maggiore coinvolgimento, il fatto che Marco Pinna abbia deciso di entrare a tutti gli effetti dentro UWF rappresenta per noi – afferma Foglietta – una tappa decisamente importante, ma al tempo stesso, siamo coscienti che è una sfida che proietta il Festival verso traguardi sicuramente più impegnativi per il futuro”.

Fotografi di fama mondiale e un’agenzia di livello internazionale saranno i protagonisti della sezione fotografica. Il programma espositivo comprende mostre originali in anteprima mondiale prodotte dall’Umbria World Fest e altre mostre fotografiche prodotte in collaborazione con altri festival di fotografia.

La sezione musicale con grandi protagonisti della scena nazionale e internazionale, anche qui con concerti da “S-Confini”. Tra gli altri, ed in anteprima per l’Umbria, i Radiodervish presenteranno il nuovo album “Cafè Jerusalem” (a breve saranno attivate le prevendite).

Un altro aspetto da sottolineare è la sempre più attiva vena produttiva del Festival, con quasi il 90% del cartellone, dalle mostre ai concerti, che sarà una produzione di UWF in anteprima.

Così afferma anche la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini: “Rappresentare con le immagini e i suoni il superamento dei confini geografici e culturali è una sfida impegnativa e coraggiosa, soprattutto in un momento storico così difficile come quello che stiamo vivendo. Un momento storico caratterizzato non solo da una forte crisi economica, ma soprattutto da una crisi di valori che ci pone in un conflitto, quasi permanente, tra culture e popoli diversi. Ma, allo stesso tempo, un tema così difficile può essere trattato solo attraverso la contrapposizione di una cultura altra: una cultura inclusiva appunto. E quindi ben vengano eventi e manifestazioni che incoraggino la creatività e la diffusione di valori di accoglienza e integrazione. E sono ancora più soddisfatta perché la valorizzazione e la promozione di questa cultura venga dalla nostra Regione. Una festa – ormai giunta alla 14° edizione – che si serve delle bellezze storico-artistiche dell’Umbria per promuovere la cultura è motivo di orgoglio per chi, come me, rappresenta le Istituzioni regionali”.

“Siamo onorati come Comune di Foligno – dichiara inoltre l’assessore al turismo Giovanni Patriarchi – della scelta di Marco Pinna (photoeditor del National Geographic Italia) di aver deciso di prendere la supervisione artistica di Umbria World Fest. Questo è per la città un passo importante, segnale chiaro ed evidente che l’idea di investire sulla cultura e sugli eventi è una politica lungimirante   che porta a dei risultati significativi ed importanti, sia da un punto di vista di crescita culturale della città che della presenza turistica”.

Per l’assessore alla cultura di Foligno, Rita Barbetti, “ancora una volta le foto, in mezzo ai dipinti di Palazzo Trinci, torneranno a parlarci in modo immediato e commovente: il superamento dei confini non è mai stato un tema così attuale come ora e il messaggio dell’immagine sarà più incisivo di mille parole. La città di Foligno è particolarmente sensibile a questo tema”.

Durante i tre giorni di Festival ci sarà spazio anche ad una sezione incontri e alla didattica, con la possibilità di prendere parte a workshop sulla street photography, ad un contest per instagrammers e a letture portfolio con il Premio fotografico UWF 2015.

Prossimamente sarà annunciato il programma completo nel corso di una conferenza stampa.