Presentata la Strasimeno 2023, l’evento sportivo più importante del Trasimeno

233
   

È da tantissimi anni l’evento sportivo più importante e del Trasimeno, tradizionale apertura sia della stagione sportiva che di quella turistica di tutto il territorio. Questa mattina nel Salone d’Onore di Palazzo Donini a Perugia, sede della Giunta Regionale dell’Umbria, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della grande corsa podistica. La gara, omologata FIDAL e inserita nel calendario IUTA di Ultramaratona, si svolgerà domenica 12 marzo con partenza alle ore 9:15 dal Lido Arezzo di Castiglione del Lago, come accade da diverse edizioni. Una lunga storia fatta di emozione, passione, ambiente, panorami mozzafiato e tanta voglia di stare insieme: una gara che piace, coinvolge e porta nel territorio intere famiglie da ogni parte d’Italia. Quest’anno il nome completo della gara è “Strasimeno-Ultramaratona nel Parco del Trasimeno, nei Borghi più Belli d’Italia e nei paesaggi del Perugino e del Signorelli“.
Hanno partecipato alla conferenza stampa Francesca Caproni direttrice del GAL Trasimeno Orvietano, il sindaco di Castiglione del Lago Matteo BuricoSandro Pasquali sindaco di Passignano sul Trasimeno, l’assessore all’Ambiente di Magione Silvia Burzigotti, il sindaco di Tuoro sul Trasimeno Maria Elena Minciaroni e Patrizio Lucchetti per la Fidal Umbria: per gli organizzatori il presidente del comitato organizzatore e dell’ASD Filippide Giovanni Farano e Enrico Pompei presidente dell’Atletica AVIS Perugia. Assente giustificato il consigliere regionale Eugenio Rondini, salutato e ringraziato da tutti.
«Non abbiamo i numeri definitivi – ha detto Giovanni Farano – in quanto le iscrizioni sono ancora in corso ma già siamo soddisfatti con i circa 2000 partecipanti, nonostante l’eccessiva vicinanza di data con la Maratona di Roma. Lo spirito è alto e lo è ancora di più grazie alla graditissima e coreografica presenza di circa 500 fra alunni e genitori delle nostre scuole materne e primarie del territorio che parteciperanno alla partenze delle gare agonistiche e che poi faranno una passeggiata di circa 7 chilometri». Quest’anno ci saranno varie novità: «La prima aprirà una nuova frontiera dello sport più popolare. Abbiamo introdotto percorsi dedicati ai camminatori con la “Strasimeno Cammina” con oltre 100 adesioni, dato incoraggiante per essere il primo anno: oltre alla solita passeggiata di 7 km a Castiglione del Lago anche distanze di 9 km con arrivo a Borghetto, 17 km con arrivo a Santarcangelo e 20 km con arrivo a Passignano». Un’altra novità, ha sottolineato Farano, è costituita dall’utilizzo della pista ciclabile nel tratto finale della 58 km, che costeggia la Statale 71 dalla fine della Via Romea e fino a Castiglione del Lago: «Questo nuovo percorso sarà senz’altro apprezzato dai podisti che fino ad ora si sono sempre trovati a correre sull’asfalto dovendo fare anche attenzione al traffico veicolare quando hanno già sulle gambe oltre 50 km. Una terza novità viene dalla FIDAL, la federazione italiana di atletica leggera: la “Strasimeno-Ultramaratona nel Parco del Trasimeno” sarà valida come prova del Campionato Italiano di Combinata di Ultramaratona insieme alla 6 ore “Città di Teate” a Chieti che si svolgerà domenica 4 giugno». Un dato interessante è la presenza di molti atleti stranieri, circa 50, provenienti da Filippine, Stati Uniti, Emirati Arabi, Sudafrica, oltre che naturalmente da Germania, Francia, Regno Unito, Serbia, Polonia e Ungheria. «Molto significativa e, speriamo di buon auspicio per un futuro di pace, la presenza contemporanea di atleti russi e ucraini. Mi auguro che sia un buon segnale per tutti noi» ha concluso Farano.
Francesca Caproni ha portato il saluto della presidente della Giunta regionale dell’Umbria Donatella Tesei: «Una manifestazione longeva e di successo questa Strasimeno, un evento sportivo che promuove mirabilmente il nostro territorio fatto di natura, paesaggio, cultura e arte. Molto importante aver inserito nel nome completo della gara le figure del Perugino e del Signorelli a 500 anni dalla morte: questa manifestazione si svolge nel cuore dei paesaggi riprodotti da questi due immensi artisti nelle loro opere e contribuisce a celebrare in Umbria e Toscana il doppio cinquecentenario. In questi ultimi due-tre anni ho notato un miglioramento della sintonia tra Regione Umbria, Unione dei Comuni del Trasimeno e comuni, con una collaborazione molto stretta, un modo di concertare le azioni e di andare nella stessa direzione, con benefici per il turismo e tutta la nostra economia. Stiamo andando nella direzione giusta e noi, come GAL Trasimeno Orvietano, ci siamo e ci saremo sempre, soprattutto per sostenere iniziative come la Strasimeno».
I sindaci presenti hanno portato il saluto delle amministrazioni, unite e compatte nella promozione e nella salvaguardia del Trasimeno. Matteo Burico, sindaco di Castiglione del Lago e anche come presidente dell’Unione dei Comuni del Trasimeno, ha messo in evidenza la passione e l’impegno degli organizzatori per realizzare un evento di tutti, un evento dell’intero territorio, che promuove il marketing territoriale, oltre che per gli sportivi. «La Strasimeno ci unisce e rafforza il concetto di “Città del Trasimeno”, una scommessa da vincere insieme per questa realtà ai confini dell’Umbria e che sta dimostrando di poter essere uno dei motori della regione. Il movimento turistico è la principale “industria” delle nostre città e quindi voglio fare un appello a tutti: queste manifestazioni che ruotano intorno al Trasimeno devono accendere una luce sulla questione idrica, sulla siccità che preoccupa tutti i territori italiani. L’estate si avvicina e non sappiamo come affrontare la siccità, intorno a un lago laminare, in un equilibrio delicatissimo e precario. Lavoriamo tutti per portare avanti questa battaglia e comunicare ai nostri cittadini quello che si può fare e quello che non si può fare, adottando comportamenti virtuosi. Il lago Trasimeno deve diventare un problema nazionale, lavorando sempre tutti uniti, senza bandiere di parte. Accendiamo insieme una luce sul Trasimeno».
La macchina organizzativa della Strasimeno 2023 è partita da molti mesi con i volontari del “Comitato Strasimeno”, composto da A.S.D Filippide e Atletica AVIS Perugia in piena azione, ma anche con il supporto fondamentale, ha sottolineato Giovanni Farano, di molte associazioni di volontariato di tutto il Trasimeno. Si tratta di Avis-Aido Castiglione del Lago, Associazione “Quelli del 65 ODV”, CB Castiglione del Lago, Centro Sociale Anziani di Castiglione del Lago, Misericordia di Castiglione del Lago, Circolo Arci Trasimeno Castiglione del Lago, Comitato Sagra del Pesce Borghetto di Tuoro sul Trasimeno, Protezione Civile Tuoro sul Trasimeno, Centro Iniziativa Sociale Tuoro sul Trasimeno, C.O.V.E.R. Unità Protezione Civile Passignano sul Trasimeno, Avis Passignano sul Trasimeno, Pro Loco Passignano sul Trasimeno, Misericordia Passignano sul Trasimeno, Avis Magione, Avis Sant’Arcangelo, Avis San Feliciano, Misericordia Magione, Protezione Civile Corciano, la Virtus Buonconvento e l’ASD Sup Trasimeno di Passignano.
I traguardi intermedi, tutti con partenza da Castiglione del Lago sono la 10 km con arrivo a Borghetto di Tuoro sul Trasimeno, la Mezza Maratona di 21,097 km con traguardo a Passignano sul Trasimeno, la 34 km con traguardo a San Feliciano e la Maratona di 42,195 km con traguardo a Sant’Arcangelo. Per informazioni si può chiamare il Comitato Strasimeno ai numeri 331.4376645 e 347.0826009 oppure visitare il sito www.podismo.it (AKR)