Potenziamento delle rampe dello svincolo di Ponte San Giovanni: avvio della conferenza servizi preliminare

231

Melasecche: “Dopo decenni di inerzia nuovi passi avanti molto concreti per affrontare e risolvere definitivamente il grave problema del traffico nell’area di Perugia”

   

Presso la Sede dell’Assessorato alle Infrastrutture della Regione Umbria si è tenuto l’incontro di avvio della Conferenza dei Servizi Preliminare per il Progetto di Fattibilità Tecnico ed Economica dell’intervento E45-RA06 – Miglioramento dell’accessibilità alla città di Perugia – SS 3 bis “Tiberina” Potenziamento dello svincolo di Ponte San Giovanni.  Grazie alla volontà espressa dalla Giunta regionale anche su questo obiettivo ed alle interlocuzioni aperte da due anni dalla Regione con ANAS, giungono altri risultati positivi.

   La conferenza è stata indetta dalla Regione Umbria, su istanza di ANAS, al fine di orientare la progettazione definitiva verso un intervento che abbia la più ampia condivisione degli Enti coinvolti, tenuto anche conto dei numerosi confronti fin qui avvenuti. Hanno partecipato in particolare i rappresentanti della Regione, della Provincia di Perugia e del Comune di Perugia ed è stata l’occasione per Anas di illustrare le ipotesi progettuali sul tappeto con la documentazione per fornire tutti i chiarimenti necessari.

   Lo svincolo di Ponte San Giovanni è uno dei punti problematici che interessano la SS3bis/E45, nel tratto compreso tra i collegamenti con il raccordo autostradale Perugia-Bettolle e la SS75. La E45 Tiberina è l’itinerario principale di comunicazione in direzione Nord-Sud della Regione Umbria ed è interessato, nel tratto in esame, da forti flussi di traffico che comportano nelle ore di punta del mattino una saturazione della direttrice Est-Ovest in direzione Perugia e nell’ora di punta serale una saturazione della direttrice Ovest-Est in direzione di Collestrada con forti rallentamenti, un’alta frequenza di incidenti ed un inquinamento conseguente. In corrispondenza del centro abitato di Ponte San Giovanni la commistione di flussi di traffico principali, provenienti dalla “S.S.3bis – E45” con quelli del “RA06 – Raccordo Autostradale Perugia Bettolle”, nonché della S.S.75 Centrale Umbra e della S.S. 318 Perugia Ancona, determina un decadimento delle prestazioni funzionali dell’intersezione stessa, creando evidenti rallentamenti. Si è resa quindi necessaria la progettazione di un intervento di potenziamento dello svincolo, per cui sono state studiate tre alternative progettuali.

   Attraverso una valutazione tecnico-economica e di fattibilità delle opere in esercizio è stata selezionata la soluzione più performante, che prevede principalmente il potenziamento a due corsie delle rampe da Ponte San Giovanni a Perugia/Roma e viceversa, unitamente a una riconfigurazione complessiva dello svincolo e all’eliminazione di manovre di scambio. Durante la Conferenza dei Servizi Preliminare il responsabile del procedimento, ing. Fabrizio de Franciscis (ANAS Gruppo FS), ha illustrato i contenuti della soluzione tecnica proposta e le procedure circa l’approvazione e la realizzazione delle opere anche in relazione al nuovo codice degli appalti.

   Gli interventi previsti verranno volutamente realizzati in 12 fasi costruttive, studiate appositamente nel numero e nella tipologia in relazione alle condizioni al contorno ed alla mobilità di area vasta e finalizzate proprio a minimizzare i disagi alla circolazione, valutando anche opportune deviazioni, viabilità provvisorie o alternative e lavorazioni notturne. Tale intervento di potenziamento contribuirà significativamente all’integrazione del sistema di mobilità per l’accessibilità a Perugia e al decongestionamento del tratto di E45 interessato, rendendo le condizioni di guida più sicure. Di certo non risolve i problemi che si stanno affrontando con il I ed il II stralcio, ma si inserisce all’interno della strategia finalizzata a risolvere la complessa criticità della viabilità in corrispondenza di Perugia, che prevede l’integrazione di una molteplicità di azioni che riguardano la realizzazione integrale del Nodo stradale di Perugia.

I stralcio: Collestrada-Madonna del Piano in variante alla E45, con progetto definitivo approvato, validato dall’ANAS e in fase di acquisizione delle previste autorizzazioni;

II stralcio:

–    in fase di revisione progettuale in variante al raccordo autostradale Perugia Bettolle, da Madonna del Piano alla Pievaiola;

–    potenziamento dello Svincolo in località Ponte San Giovanni cui si riferisce la conferenza preliminare in atto, anche con l’originale posizionamento delle barriere antirumore fotovoltaiche, appositamente richieste dalla Regione, che forniranno energia rinnovabile certificata da un pannello posto all’interno dell’abitato di Ponte San Giovanni ed utilizzata in loco per un obiettivo pubblico da definire; in merito sia la Regione che il Comune hanno confermato ufficialmente la necessità del mantenere lo svincolo di Via Adriatica che verrà quindi facilitato con l’allungamento e l’allargamento della rampa di accesso per impedire la formazione di file;

–    manutenzione straordinaria per il consolidamento alternativo delle due canne della galleria Pallotta per adeguamento obbligatorio alle norme europee con una tecnica particolarmente innovativa sperimentata di recente che prevede il funzionamento del cantiere solo di notte, con l’inserimento graduale di prefabbricati che seguono la curva delle gallerie ed il posizionamento di teli impermeabili; il traffico notturno, verrà dirottato sulla viabilità ordinaria;

–    la nuova fermata ferroviaria Aeroporto/Collestrada lungo la Foligno-Terontola che, abbinata alla ricollocazione e riqualificazione della stazione di Ellera (con un potenziamento del servizio merci in funzione di possibili esigenze dello stabilimento Perugina/Nestlè) andrà a costituire quella tratta urbana da utilizzare in futuro come metropolitana di superficie che attraversa da Ovest ad Est la città di Perugia con riduzione del traffico veicolare;

–    la riapertura completa della linea ferroviaria FCU in modalità elettrica che vede nella stazione di Ponte San Giovanni, in cui proseguono incessantemente i lavori di funzionalizzazione e ammodernamento, l’incrocio fondamentale fra la linea Foligno-Terontola e la FCU.

   “Prosegue – commenta con soddisfazione l’Assessore regionale ai Trasporti Enrico Melasecche – l’impegno incessante, quanto molto articolato che affronta e va a risolvere finalmente, con coraggio e in chiave decisamente eco-compatibile, i problemi di quella vasta area, fondamentale per l’accesso da parte dell’intera Umbria al capoluogo regionale, tornando a garantire per la E45 la regolarità dei flussi nord sud e viceversa, riducendo la quantità del traffico di attraversamento delle gallerie di Perugia, privilegiando sia il ferro ma anche le necessarie varianti stradali da decenni in discussione. Ringrazio ANAS per l’impegno e la collaborazione che sta dimostrando in tutta l’Umbria, sia per le manutenzioni straordinarie, che stanno assicurando sicurezza e qualità con interventi della durata di decenni e che porterà, entro il 2024, ad avere una forte quanto definitiva riduzione dei cantieri stessi, sia per le nuove opere che stanno procedendo con le fasi essenziali di studio, progettazione, autorizzazione verso la cantierizzazione. Il nuovo PRT, Piano Regionale dei Trasporti, in fase di predisposizione e confronto è il documento che definisce il quadro complessivo che porterà da qui al prossimo decennio la Regione a rompere quell’isolamento che ne ha fin qui frenato lo sviluppo”.