Perugia: firmato il protocollo di intesa tra l’Istituto Italiano di Design e il Comune

608

Istituto italiano design (Iid) e Comune di Perugia insieme per il rilancio della città attraverso la realizzazione di operazioni di marketing territoriale di qualità tese a migliorare l’immagine del capoluogo umbro e sostenere i giovani studenti talentuosi favorendo un collegamento col mondo del lavoro. La collaborazione è stata sancita dalla firma del protocollo d‘intesa, lunedì 6 febbraio a Perugia, alla presenza di Matteo Gradassi, direttore dell’Iid, Michele Fioroni e Antonella Pedini, rispettivamente assessore a marketing territoriale e arredo urbano e dirigente responsabile Struttura organizzativa sviluppo economico del Comune di Perugia. Il protocollo apre la strada a una cooperazione biennale, rinnovabile, comunque, non oltre il limite massimo del mandato del sindaco. In cantiere, al momento, due importanti progetti che coinvolgeranno principalmente gli studenti che a oggi frequentano il secondo anno del corso in communication design e, di riflesso, anche quelli inseriti in fashion, industrial e interior design per un tipo di approccio integrato. Nello specifico i creativi lavoreranno su rebranding del Mercato coperto di Perugia e branding ex novo della ‘Città della grafica’ che dovrebbe trasformare il capoluogo umbro in un centro di grafica avanzata.

“La firma di un protocollo – ha commentato Gradassi – è sempre un fregio per la nostra realtà accademica. In questo caso il partner è il Comune di Perugia, quindi quanto di meglio possiamo augurarci in termini istituzionali dalla città e segue un po’ il percorso che abbiamo iniziato tre anni fa, quando ci siamo trasferiti nella nuova sede in pieno centro storico, di dialogo e scambio con le istituzioni”. Dopo la firma del protocollo Fioroni ha illustrato i progetti per i quali gli studenti dell’Iid sono chiamati a esprimersi. Questi hanno quindi ricevuto il brief del committente. “L’assessore Fioroni – ha dichiarato Gradassi – è giustamente molto esigente, raccogliamo il guanto di sfida e ci mettiamo subito a lavoro. Siamo abituati a farlo seguendo un’ottica interdisciplinare con il valore aggiunto dell’esperienza pratica sul campo. I ragazzi si confrontano con progetti reali e questo ci permette di porci come punto di collegamento tra aziende, mondo del lavoro e città”.

“Il protocollo – ha specificato Fioroni – si inserisce in un quadro più ampio di costruzione strategica di una città che vuole valorizzare i talenti ponendo l’accento sui giovani creativi. L’Iid è un interlocutore importante, una scuola che costruisce competenze legate a design e progettazione dei prodotti, dei luoghi e degli spazi in modalità nuove e sempre più moderne. I ragazzi si occuperanno della rifunzionalizzazione della terrazza del mercato coperto il quale sarà completamente rinnovato, grazie anche al coinvolgimento di un importante studio d’architettura italiano, per rifiorire poi nella primavera del 2018”. “Vogliamo che i giovani siano protagonisti del territorio – ha aggiunto Fioroni –, non solo fruitori ma cogeneratori di contenuti. È questa la proiezione economica che noi vediamo per la Perugia ultradigitale, una città in cui il talento e la creatività hanno la potenzialità di esprimersi anche grazie a una rete infrastrutturale tecnologica unica in Italia”.