Partito il “viaggio” nella Todi ai tempi del Perugino

508
   

Inaugurata in Pinacoteca l’esperienza immersiva che parte dalla Pala dello Spagna Todi si inserisce a pieno titolo nel calendario degli eventi celebrativi per i 500 anni dalla morte del Perugino. Lo fa ponendo al centro dell’attenzione “L’Incoronazione della Vergine” opera dello Spagna, protagonista di un progetto di realtà aumentata che permetterà ai visitatori di godere appieno del dipinto, con la riproduzione virtuale delle tre predelle che sono conservate al Louvre di Parigi. Il viaggio immersivo alla scoperta del capolavoro del 1511 collega la Pala ad altri luoghi storico-artistici della città legati alla scuola del Perugino a Todi: dal Duomo a San Fortunato, dal tempio della Consolazione al convento di Montesanto. Grazie alla tecnologia vengono inoltre enucleati i volti dei 73 personaggi raffigurati, a partire da Jacopone, mettendone in evidenza il ruolo e i legami con Todi. Si tratta dell’opera del miglior allievo del Perugino, tanto che il Vasari scrive dello Spagna: “Colorì meglio di nessun altro di coloro che lasciò il Perugino dopo la sua morte”. A completare l’iniziativa di valorizzazione della Pinacoteca Civica, oggetto anche di una riqualificazione illuminotecnica, è stato predisposto un programma di visite guidate a tema alla scoperta dei principali monumenti della città. Un percorso diffuso per ammirare i capolavori che evocano l’arte del Perugino a Todi. Venerdì 23 giugno, nella Sala del Consiglio dei Palazzi Comunali, si è svolta la conferenza inaugurale alla quale sono intervenuti Cristina Galassi, direttore della scuola di specializzazione in beni storico-artistici dell’Università di Perugia, Filippo Orsini, direttore dell’archivio storico di Todi, e Gianluca Perissinotto, che ha illustrato l’applicazione delle tecnologie multimediali a servizio dell’arte. A fare gli onori di casa il Sindaco Antonino Ruggiano e Francesca Caproni, coordinatrice delle celebrazioni del Perugino-Signorelli. L’iniziativa tuderte è infatti ricompresa nell’ampio cartellone di eventi al quale i Gal dell’Umbria e i Comuni di Città della Pieve, Cortona, Orvieto e appunto Todi hanno dato vita in modo coordinato.