Norcia: il tema della sicurezza sul lavoro entra nelle scuole

202

Sottoscritto un accordo tra numerosi enti tra cui il Collegio dei geometri di Perugia – Coinvolti gli studenti dell’istituto De Gasperi-Battaglia, ma anche giovani disoccupati

Promuovere tra studenti, giovani disoccupati e lavoratori del territorio nursino la cultura della salute e della sicurezza, a scuola e nel posto di lavoro. È quanto prevede l’accordo appena sottoscritto tra Inail Umbria, Cesf (Centro edile per la sicurezza e formazione) Perugia, Collegio dei geometri di Perugia, Anmil (Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro) Umbria e Perugia, Istituto omnicomprensivo De Gasperi-Battaglia di Norcia, Officine meccaniche Galletti OMG, Provincia di Perugia e Comune di Norcia.

Numerose e articolate le iniziative già in programma, in particolare quelle rivolte agli studenti dell’indirizzo Cat (Costruzioni ambiente territorio) del De Gasperi-Battaglia. Per i ragazzi delle classi terza, quarta e quinta è stato, infatti, predisposto un intenso percorso formativo di accompagnamento alla sicurezza sul lavoro che comprenderà una fase didattica in aula e da remoto e un’attività di addestramento relativo ai lavori nel cantiere edile. Verrà anche realizzato un cantiere scuola per gli studenti dell’istituto ex geometri, un vero e proprio laboratorio dove i ragazzi potranno effettuare la formazione pratica in totale sicurezza.

“La salute e la sicurezza sono tra i nostri obiettivi primari – ha commentato il presidente dei geometri perugini Enzo Tonzani –. Abbiamo il compito di accompagnare e sostenere la crescita dei giovani nella prospettiva di un futuro più sereno, sicuro e sostenibile”.

Previste anche altre attività formative e prevenzionali destinate agli studenti dell’istituto scolastico nursino.

“In questi anni – ha aggiunto Tonzani –, la categoria dei geometri è stata molto vicina al mondo della scuola, fornendo agli istituti Cat e agli studenti tutto il supporto possibile. Tanti professionisti svolgono attività formative extracurriculari all’interno delle scuole per preparare i ragazzi al mondo del lavoro. La nostra collaborazione vuole essere anche uno stimolo in più per i ragazzi a intraprendere questa carriera professionale. D’altronde c’è grande necessità di geometri in tutto il nostro territorio, e studi professionali, imprese ed enti pubblici sono alla continua ricerca di giovani professionisti”.

Per favorire l’inserimento lavorativo nelle imprese impegnate nella ricostruzione post sisma, verranno pure realizzati corsi teorico-pratici relativi alla sicurezza nei cantieri e alle tecniche edili rivolti ai giovani disoccupati. Simili corsi verranno rivolti anche ai lavoratori dei cantieri della ricostruzione per “garantire il maggior livello di sicurezza possibile a fronte anche della peculiarità della ricostruzione e concomitanza dei numerosi cantieri di imminente attivazione”. Dal carattere particolarmente simbolico, la decisione di recuperare e restaurare il Monumento alla sicurezza del lavoro di Norcia dopo i danni subiti a causa del sisma.